Utente 312XXX
Salve, sono uno studente di 23 anni, e da circa due anni mi hanno diagnosticato una ipertensione arteriosa. Premetto che faccio attività agonistica da quando ero piccolo, ho una corporatura atletica e mangio abbastanza correttamente, in passato sono stato fumatore per due anni ma ora ho praticamente smesso. Ho fatto tutti gli esami possibili (esame del sangue, orminali, holter) per escludere cause secondarie ed infatti mi è stata riscontrata solo questa ipertensione "essenziale". Anche mia mamma è ipertesa da quando era giovane, e il mio medico ricollega molto alla genetica anche la mia. La mia domanda è:cosa vuol dire ipertensione essenziale? sembra quasi una denominazione di un qualcosa che non si sa spiegare, che ce l'hai perchè sei nato così. Grazie per la pazienza, attendo risposte.

PS. la mia P.A quando la misuro a casa è nella norma, border line (140 mm/Hg) la siatolica e 70 mm/Hg la diastolica. Quando me la misurano all'ospedale la sistolica schizza alle stelle mentre la diastolica rimane quasi invariata.

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Per essenziale effetivamente si intende che non se ne conosce il motivo , ma si Sa perfettamente come curarla.
Sicuramente avra eseguito eco addome per reni e surreni, prelievi ematici e raccola delle urine delle 24 ore per arrivare alla dianosi di ioertensione essenziale.
Detto questo le faccio presente che l ipertensine va curata sin da giovani, evitando di credere che gli sbalzi pressori legati alla emotivita siano innocui.
Se ha valori pressori alla sua eta superiori a 125/75 mmHg e la familiarita che lei riporta, è opportuno che lei inizi terapia anti ipertensiva, ad esempio con ACE inibitori
Ne parli con il suo cardiologo
Arrivederci
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Dr. Cecchini, la ringrazio per la risposta.
Questa scoperta di avere l'ipertensione, mi ha causato non pochi problemi a livello psicologico. Ho iniziato ad avvertire fastidi soprattutto nella parte sinistra del corpo, prima nella schiena alta, poi al braccio sinistro e al petto. é diventata la mia ossessione, ma i medici dicono sia dovuto tutto all'ansia somatizzata, così ho dovuto iniziare ad assumere agomelatina prima e amisulpride poi, che i primi mesi mi hanno aiutato, ma poi l'effetto è andato dimunendo. Avevo iniziato una terapia a base di alfa bloccanti, poi ho provato anche cardura a basso dosaggio ma purtroppo non la tolleravo sia fisicamente che mentalmente. Cosi, in accordo con la cardiologa, dato che tutti gli esami andavano bene abbiamo deciso di aspettare un pò di tempo.
Secondo lei, in un soggetto con ipertensione, può essere che la secrezione serotoninergica sia in qualche modo inibita ( dato che ha un effetto vasocostrittore) dal SNC? grazie, saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L' alfa litico e da bandire nel giovane.
C'e' scritto su tutti i libri
Le ripeto solo cio che le ho consigliato e cioe' un ACE inibitore
arrivederci