Utente 700XXX
Salve, gentili dottori, sono un ragazzo di 24 anni tormentato ormai da 40 giorni da un arrossamento del glande, secchezza della pelle e desquamazione di questa.Non avverto nessun altro tipo di sintomo quali bruciore o prurito.Mi era stata diagnosticata da un dermatologo una balanite, curata con acido borico e olio di vasellina.Dopo la cura, mi presento dal dermatologo e lui mi dice che è tutto passato ma non convincendomi di cio', in quanto il fenomeno continuava, mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha consigliato (senza pensarci molto) la rimozione del frenulo in quanto nel mio caso è abbastanza grande e forma come delle borse in cui i batteri vanno a depositarsi. Mi ha detto che se non faccio questo intervento avro' sempre problemi di infezioni. La domanda è:
E' davvero necessario rimuovere il frenulo per curare queste infezioni?
Quali effetti comporta la rimozione del frenulo?
Posso evitarla assumendo maggiori precauzioni in futuro?

Per il momento mi ha consigliato di lavarmi con BETADINE sapone liquido.

Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
carop utente, in generale il frenulo può comportare dei fastidi durante la penetrazione, mentre la fimosi invece può causare infezioni, ovviamente io non avendola visitata non posso esprimere opinioni in merito.
l'operazione di frenulectomia è una banalità si esegue in anestesia locale e non comporta alcun problema, per tanto se l'urologo che l'ha visitata la ritiene necessaria la faccia senza preocupazione
[#2] dopo  
Utente 700XXX

Iscritto dal 2008
Mi si può consigliare un buon urologo a bari o in puglia per avere maggiore riscontro della diagnosi? Aveo sentito parlare del dottor Canale Domenico, riceve anche a Bari? grazie.