Utente 764XXX
Circa 2 mesi fà alla mia compagna sono stati riscontrati, dal ginecologo,i condilomi. Quindi e stato eseguito il pap-test dove è stato riscontrato paracheratosi con il consiglio di eseguire una colposcopia. quasi contemporeanamente anche a me sono spuntati i "brufoletti". I ginecologo ci ha consigliato un intervento con il "diatermo". Per pignoleria ho portato la mia compagna da altri medici per vari consulti. Domanda: Come mai nessuno è d'accordo sul metodo di cura dei condilomi? a questo punto qual'è la cura migliore? Quali sono le possibbili conseguenze per la donna e per un'eventuale concepimento? dal canto mio(dopo intere settimane a sfogliare internet)ho iniziato ad autocurarmi con Aldara (imiquimod) Cream comprata su internet, seguendo scrupolosamente le avvertenze, e già dopo 15gg ho ottenuto una riduzione del 60%. Premesso che tutti i ginecologi e andrologi da me consultati hanno snobbato tale possibilità di cura. Vi chiedo quindi qual'è la verità ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Lei ha fatto, secondo me, la cosa peggiore. Autocurarsi...dopo settimane a sfogliare pagine web...ed è migliorato del 60%.... in 15 giorni...
Le assicuro che seguendo gli ottimi consigli ricevuti a quest'ora Lei sarebbe perfettamente guarito ed al 100%. Ogni chirurgo o dermatologo o specialista della patologia cura i condilomi in maniera diversa, secondo la personale esperienza e secondo i risultati ottenuti. E' una semplice questione di fiducia. E vorrei vedere.
Caro Utente, proprio non riesco a condividere il Suo modo di pensare e agire di fronte ad una patologia che, Le assicuro, non va mai trascurata.
Affettuosissimi auguri comunque e un cordiale saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#2] dopo  
Dr. Paolo Gigli
28% attività
4% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Assolutamente d'accordo con il collega.
saluti
[#3] dopo  
Utente 764XXX

Iscritto dal 2005
Vi ringrazio per le risposte...escludendo la mia autocura(anche se sono praticamente guarito)chiedevo maggiori delucidazioni nel caso della mia compagna. E' necessario la rimozione chirurgica dei condilomi?Come mai non siete mai d'accordo sul metodo di cura dei condilomi? Quali sono le possibbili conseguenze per la donna e per un'eventuale concepimento?
Vi consiglio infine un sito italiano di un vostro collega,secondo il mio ininfluente parere molto chiaro sul problema, http://www.papillomavirus.it a cui posso aggiungere innumerevoli siti stranieri dove è addirittura sconsigliato l'intervento se non in caso di lesioni molto estese. Grazie per l'attenzione e un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
mi spiace, non condivido e non commento ulteriormente. Affettuosi auguri per tutto e un cordiale saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Utente 764XXX

Iscritto dal 2005
Prof. Giovanni MARTINO La ringrazio ugualmente per l'attenzione pur non condividendo i suoi modi.
Per evitarvi la fatica di essere bannato mi auto cancellero al più presto. Affettuosi auguri per tutto e un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Mi dispiace se il mio parere non è quello che Lei avrebbe voluto leggere come risposta. Lei è ovviamente libero di auto-cancellarsi dal nostro forum, spero e sono certo che in rete vi saranno di certo altre opportunità a Lei più gradite. Ricambio gli auguri affettuosi. Cercherò di tenerLa informata sul primo Congresso Nazionale o Internazionale che avesse per tema la patologia condilomatosa, e magari farLe avere un invito.
Un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#7] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Carissimo, lei sta cercando qualcosa che la medicina convenzionale non le può offrire, per questo cerca in tutti i siti di Internet, ma ha perfettamente ragione, chi non segue quelle che sono le regole dettate, è fuori. Lei può partecipare a tutti i congressi possibili e immaginabili, ma otterrà sempre le solite risposte. Purtroppo, la medicina convenzionale, sui condilomi, prodotti dal Papilloma virus, non ha armi, l'unica terapia è la diatermocoagulazione o la laser terapia, queste, hanno dimostrato chiaramente la permanenza del virus nell'organismo, eliminano i condilomi, ma non il virus che li ha prodotti, non vive solamente nel punto della manifestazione cutanea, ma in tutto l'organismo, permane quindi indisturbato nelle cellule, da qui comincia a produrre danni, che sono ben conosciuti, oltre a quelli noti sul collo dell'utero, quelli che provoca in altri organi, continuando a produrre papillomi. L'azione che si deve effettuare, è proprio la eliminazione del virus dall'organismo. Non esistono esami che hanno la possibilità di rilevare la presenza di questo in qualsiasi organo, si crede che fatta la terapia locale, il virus sparisca, per poi ripresentarsi dopo anni con le note lesioni al collo uterino. Quello che non vede, la medicina, non crede, ma è un grossissimo errore, non solo biologico, ma anche preventivo Lasciare agire indisturbato il virus nell'organismo, significa poi permettere la formazioni di lesioni precancerose, e non solo. Da moltissimi anni, sin dagli studi eseguiti da Hahnemann, successivamente confermati dall'esperienza quotidiana di ogni omeopata, i condilomi vengono curati con precisi farmaci omeopatici, ma non solo, se alla prima manifestazione si inizia la terapia, senza interventi locali, la persona risulterà come vaccinata per il virus, non presenterà più non solo condilomi, ma anche quelle manifestazioni in altri organi e sul collo uterino. L'unica avvertenza è non intervenire localmente alla prima manifestazione, altrimenti il lavoro risulterà molto più difficile, ma, nonostante ciò, la terapia avrà sempre buon esito. Ho a disposizione esami strumentali che mi permettono di rilevare la presenza del virus, accertare le cause perchè l'organismo in quel momento ne ha permesso la diffusione, seguire la progressione della eliminazione, accertare con controlli semplicissimi e non invasivi i risultati nel tempo, accertare la eventuale presenza di altre infezioni e infiammazioni persistenti e subcliniche, asintomatiche, l'origine di ogni sintomo vago e aspecifico, indirizzare il ragionamento diagnostico e terapeutico. Si pensa che asportati i condilomi, il virus non sia più presente, perchè presente solo localmente, invece non è così, si approfonda e non è più rilevabile con i comuni esami di medicina convenzionale, bisognerebbe effettuare la PCR, ma troppo costosa, poi non avendo armi, quale significato avrebbe? La medicina biologica, ragionando in maniera diversa, integrando le conoscenze della ricerca scientifica, ha la possibilità di fare eradicazione permanente del virus, controllare con esami di medicina quantica, la sua eradicazione. Ma non solo, esaminando le persone per altri problemi si rileva la presenza del papilloma, si ha la possibilità di eradicarlo e di fare quindi una ottima prevenzione. Molti sono i Papilloma virus, solo alcuni sono pericolosi, almeno così ci viene detto, ma chi ci assicura che questa sia esattamente la verità, ogni presenza di agenti patogeni, va sempre portata via, per tenere l'organismo in uno stato fisiologico, ed ottenere un certo benessere. saluti