Utente 162XXX
Buonasera Dottori, ho già illustrato la mia storia in altre richieste.
Riassumo brevemente:

3 anni fa mi fu diagnosticata una congestione pelvica/prostatite, ho effettuato decine di esami e visite da vari specialisti.
Ho assunto antibiotici, antinfiammatori, cortisonici e antidolorifici, senza risultati.

Successivamente, il mio attuale urologo mi riscontrò una Sindrome dolorosa del pavimento pelvico (contratture/trigger point) che ho trattato fino ad un anno e mezzo fa con sedute di riabilitazione del piano perienale + miorilassanti e integratori.
In sostanza, per lui il problema non era prostatico (dalla RMN tutto nella norma e dall'ecografia trans rettale solo qualche calcificazione).

Oltre alla CPPS, ho uno squilibrio posturale trattato con sedute osteopatiche + esercizi e saltuariamente colon irritabile che tratto con dieta e integratori.
Inoltre, dall'ultima spermiocoltura si evince una bassa carica di Candida albicans.

Risoltisi con il tempo tutti gli altri sintomi (urinari e dolorosi), quelli rimasti attualmente sono: eiaculazione precoce e difficoltà nel mantenimento dell' erezione.

All'ultima visita l'urologo mi prescrisse solo Levitra 10 mg al bisogno.
Per la prima assunzione ho preferito partire con un dosaggio più basso (2,5 mg) con scarsi risultati ma effetti collaterali come mal di testa/stordimento per l'intera giornata.

Visto che per il mio urologo non ho più contratture al pavimento pelvico, Vi chiedo se una prostatite può causare solo sintomi sessuali.

Mi consigliate di rivolgermi ad un andrologo?

Mi scuso se sono stato generico ma ho preferito non dilungarmi troppo. La mia storia è davvero lunga ma sono pronto ad andare nello specifico, se fosse necessario.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a questo punto,un approfondimento andrologico si pone,anche per giungere ad una diagnosi di esclusione controllando il quadro prostatico con unecografia e quello sessuale con un ecocolordoppler penieno,il cui esito guiderà lo specialista nella prescrizione di una terapia personalizzata che La invito a seguire senza prendere iniziative personali.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottor Izzo, La ringrazio per la veloce risposta.
Ho già effettuato varie ecografie (addome, trans-rettale e scrotale) ed esami ormonali.

Lei si occupa di Sindrome del pavimento pelvico o problemi simili sono esclusivamente riconducibili alla prostata?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il suo specialista di riferimento è assolutamente in grado di seguirla senza problemi.Cordialità.