Utente 318XXX
Buongiorno,
vorrei avere un consulto riguardo la mia situazione, premettendo che ho già intenzione di farmi visitare qualsiasi siano le vostre risposte, ma comunque sono troppo impaziente per non chiedere la vostra opinione. Soffro di un'eccessiva sensibilità al glande che mi porto dietro da che mi ricordo. Questa, però, non si presenta sempre allo stesso livello, a volte il contatto è più fastidioso e insopportabile mentre a volte lo è molto meno, inoltre se durante la masturbazione lubrifico il glande e la mano con un po' di saliva il dolore cessa. Inoltre ho notato che il fastidio è maggiore sulla corona del glande (che se non sbaglio è la sua estremità inferiore) e si presenta anche se tocco il prepuzio che si raggomitola sotto il glande. Non credo di soffrire di fimosi perchè riesco a scoprire il glande sia quando non sono eccitato, sia quando il pene è in erezione, anche se in quest'ultimo caso il prepuzio rimane sempre a contatto con la corona del glande e non so se dovrebbe invece staccarsi almeno un poco dal glande. Sono ancora vergine e tengo alla mia igiene intima, anche se non ne sono ossessionato.
Sto provando a tenere il glande scoperto negli slip per più tempo possibile ma esso diventa spesso secco e lievemente roseo e mi costringe a smettere dopo qualche tempo, se non altro perchè non vorrei peggiorare le cose, inoltre cerco di masturbarmi ogni volta con il glande scoperto lubrificando con la saliva.
Che ne pensate? Faccio male ad insistere con questi sistemi?
Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' ipersensibilità del galnde dipende da: infiammazioni locali, fimosi, infiammazioni prostatiche, fenomeni ansiosi. Pertanto utilizzi per un mesetto detergente a badsso tenore di tensioattivi, che3 il farmacista le consiglierà, e se non passa vada da collega per diagnosi e terapia.
[#2] dopo  


dal 2014
Da un anno a questa parte utilizzo un detergente intimo per uso esterno con pH 5.5, dermatologicamente testato, comprato in un supermercato. Può andare bene o sarebbe meglio comprarne uno in farmacia chiedendone esplicitamente uno con basso tenore di tensioattivi?
Grazie di nuovo.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
chieda quello a basso tenore di tensioattivi. va meglio.