Utente 699XXX
Salve. Sono un ragazzo di 19 anni non vergine, sin da piccolo la pediatra mi aveva trovato qualche difficoltà nello scorpire il glande ma non ha insistito più di tanto dicendo solo ai miei genitori di applicarmi una pomata e di fare quaclhe esercizio. Purtroppo però non ho seguito questi ordini (forse perchè non mi rendevo conto del problema). Adesso, a pene flaccido riesco a scoprire il glande senza fastidio alcuno ma a pene in erezione ci riesco solo parzialmente e subito dopo si ricopre. Penso dunque, nella mia ignoranza, di avere una fimosi congenita non serrata. A riguardo avrei alcuni dubbi:
1 La fimosi è ereditaria? (anche mio padre ne soffriva ed è stato circonciso intorno ai 18 anni)
2 Il fatto che il glande non si scopra limita il piacere nel rapporto sessuale?
3 Rimanere in questo stato può comportare qualche problema?
Grazie molte per il servizio utile ed efficiente che offrite.
[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,la fimosi non é ereditaria.Se accertata dall'uro-andrologo e se il Paziente la soffre come dolenzia nel coito,ridotta o aumentata sensibilità,ridotta igiene sessuale,non vedo perché debba continuare a patirne.Si attivi al riguardo e chiarisca il problema dal vivo.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste particolari problematiche giovanili molto frequenti, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35780
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
la fimosi non è ereditaria
se crea problemi durante i rapporti o problemi di igiene sarebbe indicato eseguire intervento di circoncisione
si faccia indirizzare dal suo andrologo di fiducia
[#4] dopo  
Utente 699XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto grazie per tutte le risposte.
Fortunatamente la mia fimosi non mi crea problemi ne dal punto di vista dell'igiene ne nei rapporti sessuali ed è proprio per questo che vorrei sapere quali sono i rimedi.
Sinceramente vorrei evitare qualsiasi tipo di operazione e preferirei o rimanere in questo stato (se, però non crea complicazioni) oppure (se può servire a qualcosa, ma non credo) applicare qualche pomata o fare qualche esercizio, insomma tutto tranne l'operazione. La mia richiesta nasce dal fatto che ho paura di tutto ciò che riguarda medici, ospedali, siringhe, vista di sangue etc etc, in quanto mi provoca perdita di conoscenza. E' un problema che ho sin da piccolo e che non riesco a controllare e che senz'altro mi creerà non pochi fastidi prima, dopo e durante un eventuale operazione. Grazie per la cortese attenzione e il tempo dedicatomi.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non capisco perché ci ha scritto...Cordialità.
[#6] dopo  
Dr. Mauro Seveso
36% attività
16% attualità
16% socialità
CASTELLANZA (VA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
nel caso la sua fimosi non provochi disuturbi in fase di erezione o durante i rapporti sessuali e comunque in assenza di difficoltà nell'ottenre una ottimale igiene personale, si tenga sotto controllo e basta
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
vista anche la sua giovane età , per avere una risposta specifica alla sua particolare situazione "anatomica" deve per forza consultare in diretta un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#8] dopo  
Utente 699XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto rinnovo i miei ringraziamenti per tutte le risposte. Voglio specificare che ho scritto per sapere se rimanere nel mio stato comporta o no qualche contro-indicazione, in quanto come già spiegato, evitarei l'operazione tranne nel caso in cui ci sia la reale ed effettiva possibiltà che il perdurare di questo stato di cose mi provochi qualche complicazione ulteriore. Insomma più chiaramente vorrei sapere a cosa vanno incontro coloro che pur soffrendo di fimosi congenita non serrata rifiutano l'operarazione. Consulterò un andrologo alla fine dell'estate e spero vivamente che dovrò solo tenermi sotto controllo e basta, nel frattempo spero che possiate soddisfare questa mia domanda. Grazie anticipate.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
purtroppo per conoscere per bene il suo problema bisogna, come già detto, fare una valutazione clinica diretta e quindi questa cosa è un pò come un gatto che si morde la coda. Faccia a questo punto la valutazione andrologica indicata e poi si discuterà eventualmente su quello che le verrà riscontrato e sulle eventuali indicazioni terapeutiche.
Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
ulle indicazioni che le saranno date.
[#10] dopo  
Dr. Gabriele Antonini
36% attività
8% attualità
16% socialità
FRANCIA (FR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Secondo il mio modestissimo parere se il suo glande si scopre in flaccidità senza problemi e non in erezione, lei non è affetto da fimosi ma frenulo corto.Mi sbaglio?
saluti
[#11] dopo  
Utente 699XXX

Iscritto dal 2008
Wow! Sinceramente non avevo mai preso in considerazione questa ipotesi. Al riguardo avrei qualche dubbio:
1 E' meglio aspettare che il frenulo si rompa in modo naturale (per itenderci durante un rapporto) oppure rimuoverlo chirurgicamente?
2 Dopo la rimozione (naturale o chirurgica) del frenulo, il glande potrà scoprirsi anche in erezione? Cioè risolverei il mio problema?
Ancora grazie di tutte le risposte e dell'utilissimo servizio.
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
il collega Antonini è molto bravo a fare diagnosi così precise per via telematica e solo leggendo le indicazioni da lei date. Segua comunque il mio consiglio e consulti , senza perdere altro tempo prezioso, un esperto andrologo se vuole avere una diagnosi precisa e le successive indicazioni terapeutiche.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it