Utente 272XXX
Buongiorno illustre dottore, circa nove mesi fa ho subito la resezione del colon e precisamente FLESSURA SPLENICA e parte del DISCENDENTE a causa di un diverticolo perforato.
In questi nove mesi ho alternato sempre periodi di quiete a fasi con dolori intestinali tuttavia sopportabili.
Da qualche settimana a questa parte però ho difficoltà ad andare di corpo ossia ho come la sensazione che devo evacuare ma poi in realtà non faccio nulla (solo spinte nel tentativo di espellere).
Riesco quindi ad evacuare un pochino solo dopo vari tentativi.
Da qualche giorno però accuso un costante e fastidioso dolore proprio all''interno della ferita sede della resezione subita (un dolore simile lo ho avuto solo nei giorni successivi quando ebbi l''intervento).
La temperatura corporea è di 37,5° .
Ho quindi eseguito le analisi del sangue che hanno evidenziato elevati valori per:
VES 1h 61 - PCR 96,7 - Globuli Bianchi 11,4
Sono quindi andata al P.S. dove mi hanno fatto una diretta addome il cui referto è:
Rari livelli idro-aerei proiettivamente al fianco dx. Ampolla rettale abitato da gas e feci. Non aria subfrenica.
Mi hanno quindi dimessa con la terapia : 1 Rocefin al giorno – Pentacol 800 1 x 3 al giorno – Normix 2 x 2
Mi hanno consigliato anche di eseguire un clistere.
Ho provveduto a fare ciò e sono riuscita ad andare di corpo.
Il dolore in sede della resezione subita attualmente è diminuito.
La terapia di cui sopra è sufficiente per placare la grossa infiammazione ???
Al P.S. mi hanno dimessa , per il medico di famiglia invece andavo ospedalizzata (considerato gli alti valori di VES e PCR).
A questo punto cosa mi conviene fare???
Posso continuare la terapia a casa visto che comunque i dolori vanno meglio oppure farmi ricoverare???
Speravo che con l’intervento avrei scongiurato nuovi episodi acuti ed invece mi sembra di tornare indietro.
E’ normale tutto ciò ?. GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Va visitato e probabilmente eseguiti ulteriori accertamenti tra i quali una colonscopia, potrebbe avere ad esempio un 'restringimento' della sutura.
Prego
[#2] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Intanto grazie, ma vi devo aggiungere che nel referto rx diretta addome ho tralasciato di riportare Corpostasi del colon trasverso e colon discendente. Questo se può essere utile per qualcosa. Ma posso proseguire con la terapia a casa e quindi programmare una colonscopia o e meglio ritornare al P.S. per un ricovero???GRAZIE INFINITE
[#3] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Intanto grazie, ma vi devo aggiungere che nel referto rx diretta addome ho tralasciato di riportare Corpostasi del colon trasverso e colon discendente. Questo se può essere utile per qualcosa. Ma posso proseguire con la terapia a casa e quindi programmare una colonscopia o e meglio ritornare al P.S. per un ricovero???GRAZIE INFINITE
[#4] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Farei una visita chirurgica non necessariamente in pronto soccorso.
[#5] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Egregio dottore, torno a scrivere per chiedere una delucidazione che scaturisce tra quanto richiesto dal gastroenterologo e il radiologo.
Ossia il gastroenterologo mi ha prescritto una risonanza magnetica anzichè una TAC in considerazione che ho già fatto NUMEROSISSIME TAC nel giro di un anno, mentre secondo il radiologo la risonanza magnetica non è indicata nel mio caso perchè non darebbe nessuna informazione utile.
E da qui il dubbio: anche se non è proprio la più adatta, comunque sia la risonanza magnetica potrebbe permettere di vedere qualcosa per il mio problema (es. eventuali aderenze, restringimenti, ostruzioni, ecc.) considerato anche che sono a digiuno da diversi giorni ??? GRAZIE
[#6] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Egregio dottore, torno a scrivere per chiedere una delucidazione che scaturisce tra quanto richiesto dal gastroenterologo e il radiologo.
Ossia il gastroenterologo mi ha prescritto una risonanza magnetica anzichè una TAC in considerazione che ho già fatto NUMEROSISSIME TAC nel giro di un anno, mentre secondo il radiologo la risonanza magnetica non è indicata nel mio caso perchè non darebbe nessuna informazione utile.
E da qui il dubbio: anche se non è proprio la più adatta, comunque sia la risonanza magnetica potrebbe permettere di vedere qualcosa per il mio problema (es. eventuali aderenze, restringimenti, ostruzioni, ecc.) considerato anche che sono a digiuno da diversi giorni ??? GRAZIE
[#7] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Egregio dottore, torno a scrivere per chiedere una delucidazione che scaturisce tra quanto richiesto dal gastroenterologo e il radiologo.
Ossia il gastroenterologo mi ha prescritto una risonanza magnetica anzichè una TAC in considerazione che ho già fatto NUMEROSISSIME TAC nel giro di un anno, mentre secondo il radiologo la risonanza magnetica non è indicata nel mio caso perchè non darebbe nessuna informazione utile.
E da qui il dubbio: anche se non è proprio la più adatta, comunque sia la risonanza magnetica potrebbe permettere di vedere qualcosa per il mio problema (es. eventuali aderenze, restringimenti, ostruzioni, ecc.) considerato anche che sono a digiuno da diversi giorni ??? GRAZIE
[#8] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Egregio dottore, torno a scrivere per chiedere una delucidazione che scaturisce tra quanto richiesto dal gastroenterologo e il radiologo.
Ossia il gastroenterologo mi ha prescritto una risonanza magnetica anzichè una TAC in considerazione che ho già fatto NUMEROSISSIME TAC nel giro di un anno, mentre secondo il radiologo la risonanza magnetica non è indicata nel mio caso perchè non darebbe nessuna informazione utile.
E da qui il dubbio: anche se non è proprio la più adatta, comunque sia la risonanza magnetica potrebbe permettere di vedere qualcosa per il mio problema (es. eventuali aderenze, restringimenti, ostruzioni, ecc.) considerato anche che sono a digiuno da diversi giorni ??? GRAZIE
[#9] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentile utente,sarebbe più logico,come suggerito dal dott.Favara,controllare con una colonscopia il buon calibro dell'anastomosi .Successivamente si valuterà l'esecuzione della TC o RM.
Saluti


[#10] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dottore, la colonscopia è stata già programmata dal gastroenterologo appena speriamo si toglie l'infiammazione. In attesa di ciò ha chiesto la R.M. ma il radiologo si è
opposto. Il dubbio nasce se facendola può servire comunque a qualcosa o no anche in seguito.? GRAZIE
[#11] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Si utilizza la RM in alternativa alla TC,quando si vuole evitare al paziente l'esposizione a radiazioni(esami ripetuti).Pero' controindicazioni alla R M in caso di pazienti con pacemaker o protesi metalliche(anche le stesse suture meccaniche intestinali se presenti.
Saluti