Utente 293XXX
Gentili Dottori,
Come potete vedere dal mio profilo è circa un anno e mezzo che faccio ricerche mediche di tutti i tipi... e come potete anche vedere nessu accertamento ha dato mai adito ad una diagnosi di particolari patologie.
E' un peregrinare continuo da medici e specialisti... Ho fatto anche la psicoterapia per un po' ... ho preso qualche antidepressivo per un paio di mesi e non ha risolto nulla... pensate che possa essere un disturbo somatoforme oppure legato sempre alla psiche il fatto di:
1) Avere spesso sensazioni strane come calore o freddo e sensazione di pizzichii in testa (con il calore)
2)Sensazioni di maessere inspegabile in più situazioni , ma anche a casa, a volte senso di testa leggera, di irrealtà
3)A volte come un astenia improvvisa e sonnolenza improvvisa che magari scompare dopo qualche minuto
4) Extrasistoli più aumentate e a volte legare all aerofagia o all'aria nell esofago.
5) a volte mal di testa trafittivi solo da un lato, o sensazione di gola irritata che poi passa dopo qualche ora
6) sensazione di provare il piacere (es. orgasmo) in modo differente come quasi uno stimolo a urinare forte, ma senza troppo piacere, e spesso eiaculando poco sperma
7) malesseri addominali attribuiti dagli specialisti che ho visitato al "colon irritabile" ma veramente fastidiosi come sentirsi un frullatore nello stomaco oppure alternaza di periodi di feci piu dire e qualche improvvisa scarica di diarrea... p.s. le feci sono spesso marroncino chiaro giallognolo o un marrone scuro verdastro e mai piu quel bel marrone di prima..inoltre a volte provo una nausea inspiegabile oppure una sensazione di fatica incredibile, con senso stordimento dopo una defecazione senza alcuno sforzo... e poi vado a fare sport anche duro senza mai stancarmi
8) perdita di un paio di chili di peso, imputata dai miei familiari al fatto che mangio di meno e meno grassi e pratico attività fisica
9)strani sussulti prima di addormentarsi
10) Sensazione di sbandamento o come se mi spingano, se il collo mi cada dal corpo e conseguente ansia

In sostanza tutte queste sensazioni sono accompagnate ad ansia e frustrazione di combattere con qualche malessere che non ha un nome e che anche gli psicologi mi hanno dopo dei mesi di sedute un po' diciamo fatto abituare a convivere, forse si è anche affievolito ma non è passato. Inoltre la sedute di psicoterapia non erano finite ma non potevo permettermele perchè molto care, ma non accusavo grandi miglioramenti, mi sforzavo a fare le cose con il malessere senza comunque che questo sia passato...
COSA POSSO FARE? MEDICI NE HO VISTI TANTI E HO SPESO TANTI SOLDI MI POTETE INDICARE QUALCOSA? UNO PSICHIATRA?
P.S. sono andato anche da neurologo e psichiatra ho fatto un paio di mesi con un ssri ma nessun miglioramento che fare??
[#1] dopo  
Dr.ssa Flavia Massaro
52% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

se il suo malessere è di natura psicologica è necessario che si sottoponga a psicoterapia per curarlo.
E' molto frequente che la psiche dei soggetti ansiosi provochi i disturbi che lei ha riferito e che i medici hanno riconosciuto come psicogeni.
Legga questo articolo sull'argomento:
http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1064-corpo-va-ansia-sintomi-fisici-disturbi.html

Ci può dire che tipo di terapia ha fatto in precedenza, per quanto tempo e con che cadenza avvenivano le sedute?
[#2] dopo  
Utente 293XXX

Iscritto dal 2013
Ho seguito un approccio misto poichè ho frequentato uno studio di professionisti facenti capo ad un prof universitario di psicologia clinica, all'università di catania. Sono andato circa per 3 mesi dove la cadenza era di 2 volte a settimana. Mi seguivano due dottoresse una si occupava diciamo di terapia comportamentale cognitiva, una scavava nel passato... non so esattamente i nomi dei due approcci. So solo che l'approccio è stato studiato in base al caso dopo avermi somministrato il test di Rorschac. Le dottoresse erano contrarie al mio abbandono delle sedute di psicoterapia poichè secondo loro avrei avuto ricadute. In realtà i malesseri non mi erano passati nè prima e nè ora. Visto comunque anche il costo gravoso per la mia famiglia e i risultati (pochi) nei 3 mesi ho deciso di interrompere.
[#3] dopo  
Dr.ssa Flavia Massaro
52% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
In effetti 3 mesi di psicoterapia possono essere molto pochi.
Legga questo articolo al riguardo:
http://www.serviziodipsicologia.it/quanto-dura-una-psicoterapia/

Che diagnosi ha ricevuto dopo la valutazione mediante test di Rorschach?
[#4] dopo  
Utente 293XXX

Iscritto dal 2013
nessuna diagnosi, hanno solo detto somatizzazione di ansia. non hanno parlato di specifiche tecniche
[#5] dopo  
Dr.ssa Flavia Massaro
52% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Le consiglio sicuramente di riprendere la psicoterapia, magari rivolgendosi ad un centro pubblico, perché alla luce di quanto ha riferito mi sembra chiaro che la soluzione le arriverà da un lavoro di questo tipo.
Non importa se il tentativo precedente è andato male, non sappiamo di che natura sia la sua ansia (che può dipendere da diverse cause) ma ciò che conta è che il suo malessere è stato inquadrato come psicosomatico: la soluzione è di conseguenza la psicoterapia.

Se ha altre domande resto a disposizione.
Cordiali saluti,