Utente 132XXX
Buongiorno,
da alcuni mesi ho un dolore intenso alla base del pollice, che spesso coinvolge tutto il pollice. Il dolore è costante, si accentua facendo alcuni movimenti, soprattutto quelli che coinvolgono la presa indice-pollice.

Alla prima visita il chirurgo della mano alla descrizione dei sintomi ha ipotizzato un principio di artrosi ordinandomi così una risonanza magnetica.
L'esito della risonanza che mi è stato comunicato è che non c'è nulla di preoccupante, si vedono solo due piccole cisti nell'osso e pare io abbia il metacarpo leggermente spostato.

Mi è stato detto che per questo non c’è nulla che lui possa fare, di provare con delle pastiglie che aiutano in qualche modo la cartilagine (non ho capito bene, ero troppo sconvolta dalla notizia che non ci sia nulla da fare).

Il dolore è veramente lancinante e insopportabile in considerazione anche del fatto che si tratta della mano destra e io purtroppo non sono mancina.

Negli ultimi giorni è capitato che si formasse una specie di livido sul dorso della mano (leggermente più in alto della base del pollice) senza che io prendessi colpi di alcun genere. Il dolore inoltre è arrivato anche al polso e all’avambraccio.
Personalmente dubito fortemente di poter convivere con questo dolore per sempre, ho preso anti-infiammatori per una settimana, ma non sono servite né a lenire il dolore né a migliorare la situazione, l’unico risultato ottenuto è stato bruciore di stomaco. Io lavoro in ufficio, e oltre che tastiera e mouse maneggio incarti talvolta anche piuttosto pesanti; senza contare il fatto che nelle ultime due settimane il dolore si acutizza anche quando scrivo.

Mi fido del mio chirurgo attuale, lo scorso anno mi aveva “limato” un osso (3° metacarpo) della mano sinistra che era cresciuto formando una gobbetta che impediva il corretto scorrimento del tendine.

Ma a questo punto mi chiedo se sia possibile che non ci sia proprio niente da fare e se non sia il caso di chiedere un secondo parere. Ho 28 anni e mi sembra un po’ presto per rassegnarmi a convivere con un dolore simile.
Grazie mille per l’attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

un secondo parere va benissimo, per il sem'plice fatto che 4 occhi vedono meglio di 2.

La prima cosa da escludere, secondo me, è una banale infiammazione della puleggia A1 del tendine flessore lungo del pollice (teno-sinovite stenosante).

Questo soprattutto se il dolore è sul lato palmare e in posizione centrale rispetto al pollice.

Buon pomeriggio.