Utente 332XXX
Gentili dottori.

non se questa sia la specilità più attinente ma davvero non so a chi rivolgermi per qualcosa che mi sta creando qualche dubbio e un po di problemi .

Sono una donna di circa 35 anni e frequento un uomo , mio coetaneo, da qualche mese: Mi ci trovo bene ma c'è una "caratteristica" di questa persona che mi lascia un po perplessa. Ha spesso degli atteggiamenti , delle movenze e a volte anche la voce che a me e non solo a me sembrano effeminate.
Volevo chiederVi se questa sua particolarità può avere delle ripercussioni sulla fertilità o sulla sessualità in genere e se ci sono indagini o trattamenti che possano normalizzare la situazione.
Aggiungo che in una conversazione che nulla a che vedere con questo consulto e con le mie perplessità , lui mi ha riferito di aver avuto la pubertà un po ritardata rispetto ai suoi coetanei.
Potrebbe essere questa la causa dei suoi atteggiamenti effeminati?
Sono possibili altre cause? Se si , quali?

Grazie per la vosta attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,non si confonda valutando atteggiamenti che potrebbero essere fallaci…
Siete una coppia matura e,credo,siano altre le "prove" che giustificano un definito interesse sessuale rispetto ad un altro.Avete rapporti sessuali?Non esistono, comunque,né indagini,né terapie che possano,preventivamente,darle una risposta ai dubbi.Ci aggiorni,se ritiene.Cordialità.,
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettrice,
nella percezione di aspetti effeminati di un individuo maschio ci sta potenzialmente di tutto come possibili situazioni sottostanti: da un semplice aspetto caratteriale che non ha nulla a che vederecon fertilità e sessualità, all'estremo di disturbi di identità di genere: non si può davvero dire nulla di più dal suo post..
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo alle risposte del dr Izzo e dr Pescatori,
immaginare che ci sia un patologia e cercare una terapia, forse mi sembra un pò eccessivo.
Molti uomini hanno delle parti femminili, molto sviluppate e ben integrate a livello psichico, ci sono uomini che amano cucinare, che accudiscono i figli, che amano i fiori, la sfilate di moda e così via....
Così come ci sono donne falliche, che prediligono lavori dirigenziali, che hanno spesso a che fare con il potere ed il comando, ma non per questo vanno medicalizzati....e curati......

Si chieda se queste sue perplessità siano dovute ai retaggi culturali da cui proviene, se nella sua famiglia o ambiente, un uomo effeminato, verrebbe mal valutato e non accettato..., si chieda inoltre se le piace davvero.

Lei è adulta può decidere di amare chi desidera...i tratti comportamentali non correlano nè con la salute sessuale, nè procreativa, provi a vedere i lati positivi, magari non comuni, di quest' uomo.