Utente 335XXX
Salve.
Un pò da sempre soffro di problemi di erezione che si manifestano, soprattutto, con la difficoltà ad avere un'adeguata turgicità per consentire il rapporto; le volte in cui, invece, l'erezione è sufficiente ho difficoltà a mantenerla, e se mi capita di perderla è finita. Sicuramente alla base c'è una componente ansiogena che viene comunque amplificata dalla situazione e che a sua volta contribuisce al problema.
Queste difficoltà si manifestano anche con la masturbazione, a meno che il livello di eccitazione non sia particolarmente elevato (visione di video hard, ad esempio) dove riscontro una risposta migliore.
Le erezioni notturne e mattutine ci sono, tranne in alcuni periodi (ma forse sono io a non accorgermene) e sono particolarmente energiche e durature, a volte tali da svegliarmi nel cuore della notte.
Non ho mancanza di desirezio, anzi mentalmente mi sento sempre desideroso di avere rapporti.
Qualche mese fa mi sono recato in visita da un andrologo che dopo avermi visitato e fatto un'ecografia ha così concluso:" Esame obiettivo nella norma. Corpi cavernosi normo conformati". Mi ha prescritto mezza compressa di Cialis da 5 mg da prendere ogni sera prima di andare a letto e un integratore da assumere per 3 mesi. Finita la terapia ha suggerito di effettuare i dosaggi di: FSH, LH, PROLATTINA, TESTOSTERONE LIBERO E TOTALE, ESTRADIOLO.
Con il Cialis le cose sono subito apparse migliori, sia per quanto riguarda il raggiungimento dell'erezione, sia per il suo mantenimento o recupero in caso di perdita, ma se lo sospendo siamo punto e a capo.
Fatte le analisi, unitamente a quelle di carattere generale per un controllo di routine, i valori evidenziati fuori norma sono stati i seguenti: TESTOSTERONE LIBERO 7,9 (range 8,0 - 40,7) e ALBUMINA nel sangue 67 (55,8-66,1).
I restanti valori sono:
- TESTOSTERONE 5,8 (2,8 - 8,8)
- LH 1,39 (1,5 - 9,3)
- PROLATTINA 3,08 (2,1 - 17,7)
- FSH 3,31 (1,4 - 5,8)
- ESTRADIOLO 52,1

Portato oggi i risultati al mio medico di base mi ha praticato una iniezione di SUSTANON 250 mg, da ripetere dopo 3 settimane (eventualmente con TESTOVIRON 250 mg vista la difficoltà nel reperire in commercio il primo farmaco) per circa 3 volte e poi ripetere i dosaggi.
Nel frattempo ho letto che il valore del testosterone totale non è indicativo, ma conta la quota libera che è quella capace di determinare gli effetti, e che gran parte del testosterone è legato alle proteine, soprattutto all'ALBUMINA che è la proteina più presente nel sangue.

Pensate che il mio problema possa essere correlato con il valore dell'ALBUMINA di poco alto e il valore di TESTOSTERONE LIBERO di poco basso (come se l'albumina trattenesse più testosterone del dovuto)?
A vostro avviso la terapia con SUSTANON o TESTOVIRON del mio medico di base può portare alla soluzione del problema o va ricercata altrove?

Faccio presente che ho 36 anni, peso 74 kg, altezza 177 cm, non faccio sport, non fumo e non faccio uso di stupefacenti. Sono ansioso,questo si!
Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il testsoetrone libero è una misurazione non precisissima, pertanto si tende ad abbandonare tale esame. Quindi reputo i suoi esami ormonali del tutto nella norma.
Che l' ansia giochi brutti scherzi sono d' accordo, che sia il caso di escludere altri problemi (circolatori, prostatici) in maniera da avere una diagnosi di certezza mi pare altrettanto chiaro. Srenta specialista dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 335XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta, dott. Cavallini.
Mi sembra di capire che non è affatto d'accordo con l'interpretazione dei risultati delle analisi e con l'approccio terapeutico tentato dal mio medico di base (somministrazione del SUSTANON 250 mg).


Nel primo messaggio ho dimenticato di aggiungere che, una volta raggiunta l'erezione, il suo mantenimento è legato ad una stimolazione diretta e continua del mio pene (sia nel rapporto, sia durante la masturbazione), mancando la quale (o interrompendosi anche solo nel cambiare posizione), decade senza riuscire più a recuperarla.
Ciò non avviene, invece, (o avviene lo stesso consentendomi, però, la possibilità di riprenderla) con l'assunzione della mezza compressa di Cialis da 5 mg.

Non so se questo particolare può essere utile in qualche modo e chiarificatore.

Grazie in anticipo.