Utente 243XXX
Salve Dottori, scrivo per mio nonno che ha 78 anni. Tre anni fa è stato operato ad un tumore al rene destro di circa 3 cm, fortunatamente era circoscritto e l'operazione è andata bene, avendo salvato anche il rene. Una settimana fa ha fatto una risonanza magnetica per i controlli di routine che seguono ovviamente queste operazioni ( nel corso di questi anni ne ha fatte diverse). Abbiamo ritirato oggi il referto medico e chiedo delucidazioni a voi in merito, dato che il nostro medico di famiglia è reperibile lunedi', grazie.

"Esame eseguito con acquisizioni T2 Haste, T2 Spir, Dual, DWI e T1 fat sat prima e dopo la somministrazione ev di mdc paramagnetico.

Esiti di tumorectomia renale del polo superiore di destra.
Non evidenza di recidive loco-regionali di malattia.Regolari i surreni ed il rene di sinistra. Presenza di formazioni cistiche corticali renali, bilaterali,la maggiore in sede mesorenale di 17x15mm a sinistra. Non alterazioni dell'intensità di segnale dei parenchimi epatico,splenico e pancreatico. Pervia è la vena. La colecisti è fisiologicamente distesa con grossolana formazione litiasica endoluminale.
Non dilatate le vie biliari intra ed extra epatiche.
Assenza di linfoadenomegalie lombo-aortiche e di faide fluide endo e/o retroperitoneali."

Che cosa si intende per formazioni cistiche?? sono gravi?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signorina,
le cisti renali corticali sono raccolte liquide su base perlopiù congenita, si riscontrano molto frequentemente, non hanno alcun significato perticolare, tantomeno pericoloso. Molto probabilmente queste piccole cisti erano già state notate in passato a precedenti accertamenti, anche se magari descritte in modo leggermente diverso. Possono aumentare lievemente di volume nel tempo, molto raramente quando sono davvero molto voluminose (es. 10 cm è più) possono talora dare disturbi proprio legati al fatto di occupare spazio nell'addome. Pertanto il nonno può e deve restare sereno. A tre anni di distanza dall'intervento ed alla sua età è molto difficile che si presenteranno ancora problemi legati al tumore renale asportato.

Saluti