Utente 177XXX
Buonasera, rieccomi con una nuova richesta.
Da alcuni mesi soffrivo di un dolore forte nella zona dell'acromion che mi dava parecchie noie, siccome io pratico attività sportive quai tutti i giorni ho dato la colpa ad un sovrallenamento.
Siccome questo probblema no accennava a smettere nemmeno tenendo la spalla a riposo, ho deciso di fare una risonanza magnetica dove è venuto fuori che avevo un edeme nella zona acromion claveare.
l'osteopata mi ha prescritto un ciclo di tecar terapia che ha alleviato il dolore er alcuni giorni, anche se del tutto non è mai andato via.
Così ho eliminato gi allenamenti di bodybuildin ma ho continuato con quelli di Kick boxing e tacfit.
ora vi chiedo secondo voi è necessario che mi fermi del tutto o magari effettuando delle infiltrazioni di cortisone potrei avere riscontri positivi?
grazie in anticipo
Stefano
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La storia clinica che ha riportato e i pochi dati della RM, non consentono di poter stabilire se quanto richiede (infiltrazioni di cortisone, ecc.) possa avere buoni risultati oppure no.
Il mio consiglio è quello di chiedere un consulto dello specialista della spalla affinché si possano chiarire tutte le problematiche e, se necessario, indagare ancora.
Auguri
[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera Dott.Gross e grazie per la risposta, ha ragione non ho postato il referto quindi è difficile per lei avere una visione del problema.
Adesso posto il risultato della RM
Sono state eseguite sequenze FSE e IR per immagini pesate in T1 e T2 per uno studio assiale, saggittale e coronale.
Marcato edema della spongiosa interessante le estremità articolari di acromion e clavicola che, in assenza di eventi traumatici nell'anamnesiè riferibile ad importante sofferenzaosteocondrale, a cui si associa un minimo versamentoarticolare con minima distensione fluidadella borsa subacromiale.
non si apprezzano alterazioni delle strutture muscolo-tendinee che compongono la cuffia dei rotatori.
Al momento attuale è presente un minima falda fluidanel recesso gleno omerale a cui si associa una minima distensione fluida del recessodel sottoscapolare e della guaina del capolungo del bicipite nel solco intertuberositario omerale.
PS RM di Dicembre.
Che ne pensa?
Grazie ancora