Utente 250XXX
Salve Dottori,

Desidero riportare di seguito la diagnosi di una risonanza magnetica effettuata a causa di dolori persistenti alla spalla destra soprattutto in orario notturno, durante il quale le fitte interessano l'intero braccio.
L'infortunio è da attribuirsi principalmente ad un movimento innaturale della spalla operato in seguito ad una caduta in moto, ma risalente a circa 3 anni fa.


"Presenza di minima quantità d liquido nell'articolazione gleno omerale, nella borsa sottoacromiale e sotto coracoidea.
Processi degenerativi artrosici con osteofitosi marginale fine e piccole cisti subcondriali nel trochite omerale, in prossimità della doccia omerale e in corrispondenza delle limitanti articolari acromion claveari.
Il diametro dello spazio sottoacromiale è nella norma.
In sede periarticolare in prossimità della inserzione omerale del tendine sovraspinato è presente calcificazione del diametro di circa 12mm.
Il tendine sovraspinato nella porzione preinserzionale omerale appare assottigliato, disomogeneo e circondato da sottile falda liquida, da lesione parziale pressochè completa e tenosinovite, senza evidenti segni di interruzione.
Disomogeità di segnale del tendine infraspinato, da tendinosi.
Il tendine sottoscapolare presente sfumata disomogeneità di segnale, da lieve tendinosi.
Il tendine capoluogo del bicipite è in sede nella doccia omerale, di morfologia e segnale nella norma sia nella proporzione intra che extra articolare.
Non segni di sofferenza della cartilagine gnenomerale e del cercine glenoideo."


Ovviamente non intendo richedere un consulto specifico, ma solo un quadro della situazione per comprendere meglio la situazione e se, da diagnosi, si prospetta la necessità di intervento chirurgico.

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
nella sua richiesta non specifica che tipo di intervento ha subito per cui risulta difficile avere un quadro preciso della sua situazione.
In merito al referto della RM che riporta, risulta una calcificazione del tendine sovraspinoso (oltre ad altri problemi meno importanti) legga il link: http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/1648-tendinite-calcifica-spalla.html
Le consiglio di affidarsi ad un chirurgo della spalla.
Auguri
[#2] dopo  
Utente 250XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dottor Grosso,

La informo che il paziente non ha subito alcun intervento; la mia richiesta riguardava se, da diagnosi, vi erano elementi che facessero prospettare un intervento chirurgico.

PS
La diagnosi da un precedente esame a raggi x citava il morbo di Duplay che, leggendo in rete, pare un termine ormai obsoleto.

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Comprendo, c'è stato un mio malinteso.
Una tendinite calcifica può anche essere suscettibile di intervento chirurgico laddove il chirurgo della spalla lo ritiene assolutamente necessario per la definitiva soluzione della patologia.
AUguri