Utente 140XXX
Buona sera io ho mio figlio di 8 anni che quest'anno gli è uscito bene l'allergia . 2 anni fa ha fatto il prik test ed era uscito che c'era una live allergia alle graminacee lui ha sempre le occhiaie e mi dicevano che appunto x queste occhiaie era un soggetto allergico x cui era meglio rigare i prik test più avanti . A desso sono passati 2anni dai test e appena posso li farò rifare . In questo mese gli è venuto un forte raffreddore pensanvo che fosse il normale rafreddore in vernale in vece con le cure che disolito passa era la seconda settimana e laveva ancora il pediatra mi consiglio di dare aereos e avamys spray in fatti a desso va meglio secondo . io quello che non capisco se va bne associare aereos e avamys spay e se si x quanto tempo a desso è da lunedi 24 febbraio che ho iniziato con aereos e avamys .Ieri però ho voluto smettere con aereos antistaminico e andare a vanti con avamys comunque il naso continua a soffiarlo non è più colante come il rubinetto. Sul esito del prik test di 2anni fa mi aveva detto di fare cicli di 20 giorni con avamys . voi cosa ne pensate ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, non è la prima volta che si rivolge al sito per i problemi respiratori del suo bambino. Credo che le strade principali siano state percorse, sia dal punto di vista medico che chirurgico: particolarmente significativa mi risulta la ricrescita delle adenoidi dopo l'intervento.
Val forse la pena di considerare qualche altra possibilità, sia come interpretazione del caso che come soluzione terapeutica.
Nella patogenesi delle rinosinusiti croniche oltre ad aspetti anatomici sfavorevoli , é da tutti accettato il ruolo dei "disturbi di ventilazione". Fra questi talvolta si trascura l'ipotesi puramente disfunzionale, cioè la presenza di uno schema respiratorio orale anziché nasale, specie di notte quando la vigilanza individuale cade. In pratica lo schema interpretativo abituale é: il naso é chiuso, quindi il paziente é costretto alla respirazione orale. Terapia: apriamo il naso (mucolitici, cortisonici, adenoidectomia ecc.). Esiste però un'altra possibilità, e cioé che il bambino abbia acquisito primariamente per vari motivi uno schema respiratorio orale. In pratica, specie quando dorme, è possibile che tenga la bocca aperta, ma non perché il naso é chiuso. A questo punto l'aria inspirata, potendo scegliere due vie di ingresso, per un principio di meccanica dei fluidi, preferisce il transito a minori resistenze, cioé quello attraverso a bocca. Questo, oltre a facilitare con il salto dei filtri nasali varie patologie della gola, esclude la ventilazione nasale, e configura il "disturbo di ventilazione" da tutti accettato come importante elemento patogenetico delle rinosinusiti croniche. In questi casi, quindi, il naso si ammala secondariamente alla respirazione orale, perché a causa di quest’ultima non viene ventilato.
è evidente che questo schema favorisce il russare notturno e l'irritazione della gola, che può portare all'ipertrofia di tonsille e adenoidi: queste ultime, prur rimosse chirurgicamente, rtendono a recidivare se la causa di fondo non viene risolta.
La presenza di una concomitante problematica allergologica può complicare le cose, ma viene spesso scambiata come LA CAUSA: in realtà , proprio perché il bambino è ANCHE allegico, viene ancor più danneggiato dall'impiego di uno schema respiratorio orale, che salta le difese, anche ai fini allergologici, che il transito nasale fornirebbe.
Se così fosse, potrebbe essere utile la correzione dello schema respiratorio orale, per il quale le necessiterebbe la consulenza di un dentista che si occupi abitualmente di disturbi respiratori.
Se ha tempo, veda se negli articoli qui linkati trova qualche elemento di somiglianza con il suo caso.
Cordiali saluti ed auguri

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/983/Problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca

http://www.medicitalia.it/minforma/Pediatria/1400/Adenotonsillectomia-nel-bambino-si-o-no

www.studiober.com/pdf/Respirazione_Orale_e_Malocclusione.pdf

www.studiober.com/pdf/Tosse_Medico_Pediatra.pdf (attendere con pazienza quando si vuole aprire il link: è molto pesante)