Utente 335XXX
buongiorno egregi medici,
ho 32 anni per 2 dei quali ho fatto uso di propecia....sono una persona socievole e spigliata che negli anni per scelta personale ha preferito non avere rapporti sessuali. l'anno scorso ho avuto un rapporto (unico) durante il quale non ho raggiunto la piena erezione pur riuscendo a penetrare la mia partner senza pero' raggiungere l'orgasmo. ora ho una ragazza fissa con cui per ora abbiamo deciso di non fare sesso. Premetto che a parte quell'unica avventura il mio rapporto col sesso si è basato con l'autoerotismo con ausilio di video (lo ammetto) e in quel caso non ho mai avuto problemi. notando cmq una mancanza di libido e di erezioni mattutine un mese e mezzo fa ho sospeso il propecia e le erezioni mattutine sono riprese dopo circa un mese dalla sospensione....a volte quando bacio la mia compagna ho delle erezioni ma non durano a lungo e quando cessano non c'è verso di farle tornare anche toccandole i seni pur rimanendo cmq parzialmente vestiti. mi accorgo di avere micro perdite e poi nulla di più. porto la pressione alta circa 150 ma non prendo alcun farmaco sono molto dimagrito per una dieta e per l'attività sportiva che provo a praticare assiduamente in palestra. mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha visitato e riferito che secondo lui fisicamente dopo controllo ecodopler al pene e ai testicoli è tutto in ordine mi ha prescritto esami ematochimici eseguiti ad un mese dalla sospesone del propecia che attestano TSH 1.51, testosterone 359,92 ngr/dl, prolattina ngr/ml 10.20, testosterone libero 11,5 prg/ml. vedendoli l'andrologo mi ha detto che devo prendere cialis daily ma non si spiega il motivo del problema. io sono preoccupato dal prendere un farmaco senza conoscere le cause del problema. avete qualche consiglio da darmi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
se così syanno le cose, tutto deporrebbe per un problema psicogeno. Se così fosse visto che è giovane preferirei un colloquio psicologico piuttosto che le pastiglie. Ma di qua non posso essere certo della diagnosi e della terapia ne parlio col collega.
[#2] dopo  
Utente 335XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore il mio andrologo sostiene che anzi gli eventuali problemi psicologici svaniranno col cialis. Afferma anche che la pressione alta e il propexia non c'entrano nulla...continua a consigliarmi lo psicologo?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non posso entrare nella dinamica della visita, per cui non so se un incoraggiamento farmacologico possa giovarle o meno, sto parlando in linea di principio: personalmnete preferisco un approccio psicologico a problemi sessuali di origine psicologica, poi ci sono le scelte di campo. Curi la pressione, intanto. come cosa a latere
[#4] dopo  
Utente 335XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio dottore e ringrazio chiunque in seguito volesse contribuire alla prosecuzione di questa discussione! Andrologoo psicologo che sia