Utente 232XXX
Gentile dottore, sono una donna di 63 anni. Poiché da circa due mesi avvertivo delle fitte toraciche, il mio medico mi ha prescritto un' ecg da sforzo. Premetto che a ottobre scorso ho effettuato l'ecocardio color doppler ed era tutto nella norma.
Ho comunque effettuato l'esame prescritto e l'interpretazione è la seguente: livello di lavoro di carico max 90 watt.test ergometrico massimale medicato(farmaci assunti: lodoz 2,5 1cp, atorvastatina 10 mg 1 cp) positivo per segni elettrocardiografici in assenza di sintomi di ridotta riserva coronarica. Si segnala all'apice dello sforzo la comparsa di sottoslivellamento orizzontale del tratto ST di circa 2 mm accompagnato da anomalie evolutive con lenta normalizzazione nel recupero. Profilo pressorio dinamico nei limiti.Assenza di aritmie stress-inducibili.Si consiglia esame coronarografico e assunzione di cardioaspirina.
Ovviamente mi sono preoccupata molto, ma la cosa che mi fa stare maggiormente in ansia è che l'esame coronarografico potrò effettuarlo non prima di due mesi (questi purtroppo sono i tempi ) Corro grossi rischi durante il periodo di attesa? La cardioaspirina può aiutarmi? Grazie tante per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
Il referto del test da sforzo ed i sintomi riferiti lasciano pochi dubbi sulla elevata probabilità della presenza di una malattia coronarica. Il percorso diagnostico e terapeutico consigliato é corretto, e l'esame coronarografico andrebbe eseguito con sollecitudine. Sinceramente, se i tempi della Struttura presso la quale si é rivolta non sono modificabili Le consiglio di rivolgersi altrove, magari in un'altra città, in quanto allo stato non é quantificabile l' entità dell' eventuale stenosi coronarica, né la sua sede.
Nel frattempo, segua attentamente la terapia prescritta, eviti sforzi fisici e non esiti a rivolgersi ad un Pronto Soccorso ospedaliero in caso di dolore toracico protratto (dando per scontato che non sia fumatrice!).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore, La ringrazio per la cortese e tempestiva risposta.