Utente 168XXX
Salve,
vi spiego la mia situazione, ieri nel pomeriggio ho notato un rossore circolare lungo il tronco del pene poco più in basso del prepuzio, ma non mi sono preoccupato pensando fosse dovuto ad uno sfregamento accusato durante la masturbazione o durante i preliminari. In serata ho avuto rapporti sessuali senza preservativo con la mia partner, ed oggi vado spesso in bagno ad urinare, avverto bruciore durante la minzione e prima di urinare fuoriesce una goccia biancastra che emana cattivo odore (tipo liquido seminale).
Di cosa si può trattare? da quanto ho letto su internet sembrano essere i sintomi di una uretrite. Devo preoccuparmi? come devo comportarmi?
Grazie anticipatamente confido nel vostro parere

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

la sua ipotesi eziologica è tutta da verificare e quindi ora bisogna sentire in diretta un bravo andrologo od urologo.

Nel frattempo, se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tale problematica urologica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/199-cistiti-ed-uretriti-urina-brucia.html.

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Utente 168XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dr. Beretta, nel mentre prenoto una visita da un bravo andrologo mi consiglia di prenotare anche un esame delle urine o altro? o devo aspettare prima la visita dello specialista? vorrei risolvere il problema quanto prima perchè leggendo su internet mi è sorta preoccupazione.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

un esame delle urine completo non lo si nega a nessuno, risenta sempre ora il suo medico di famiglia.

Ancora un cordiale saluto.