Utente 342XXX
Sono una ragazza di 18 anni, a dicembre 2011 sono stata operata al legamento crociato anteriore con tendine gracile e semitendinoso al ginocchio sx e poi al menisco a luglio 2013 sempre stesso ginocchio.
Ad oggi accuso dolori e lassità (confermata da più medici), qui di seguito quanto risulta dalla risonanza magnetica del 21.02.14:
Nelle immagini acquisite si riconoscono regolari esiti di ricostruzione del legamento crociato anteriore che presenta segni di normale osteointegrazione e sinovializzazione (si rimanda a valutazione clinica di eventuali segni di lassità).
Nei limiti il crociato posteriore, i collaterali ed il tendine rotuleo.
Non rime di frattura meniscali con menisco mediale che presenta ridotte dimensioni in verosimili esiti di meniscectomia selettiva. Ridotto lo spessore cartilagineo femoro-tibiale mediale con accenno alla riduzione dello spessore cartilagineo anche in sede femoro-rotule esterna. Non lesioni osteocondrali. Fisiologica la componente fluida intrarticolare.
Un ortopedico mi ha suggerito di rinforzare l'attuale crociato, affiancandone un altro ottenuto dal tendine di un donatore.
Volevo sapere se questa è l'unica soluzione o se c'è qualcos'altro da poter fare.
Saluti e grazie.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Anche se la storia clinica è stata riportata molto bene non è possibile, tuttavia, acquisire un parametro clinico importante per ovvi limiti di un consulto on line.
Infatti, valutare clinicamente il grado di lassità sagittale (l'instabilità del ginocchio per intenderci), è molto importante ai fini di una indicazione per un nuovo intervento chirurgico.
Se il grado di lassità è piuttosto grave, non è sufficiente il rinforzo della massa muscolare.
Oltre alla ricostruzione con i tendini gracile e semitendinoso, la ricostruzione del LCA può essere fatta con il sistema tradizionale del tendine rotuleo. Provi a parlarne con il suo Chirurgo del Ginocchio.
Auguri
[#2] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno,il grado di lassità è piuttosto grave, in quanto 3 medici (ortopedico, osteopata, medico dello sport) pensavano addirittura che il legamento fosse di nuovo rotto, per cui come dice lei, non è sufficiente il rinforzo della massa muscolare.
Per quanto riguarda l'intervento, l'ortopedico contattato, consigliava il tendine di un donatore visto che già mi sono stati prelevati il gracile e il semitendinoso, senza toccare il mio rotuleo.
Volevo inoltre sapere se il sistema di affiancare un altro crociato a quello già esistente è una pratica diffusa e se lei ha mai seguito un caso del genere.
La ringrazio tantissimo, saluti.