Utente 853XXX
Ringraziandovi anticipatamente per la vostra attenzione, volevo chiedervi se la macchia color caffellatte, presente sul glande (discronia) possa con il tempo, portare disturbi, visto che è presente da moltissimi anni senza aver provocato disturbi di nessun genere.
Può essere considerata un'anomalia per la quale esiste esiste una terapia, o si tratta solo di un problema di pigmentazione, con il quale si può convivere?
Distinti saluti e grazie ancora

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
44% attività
0% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
gentile paziente,
le macchie caffellatte sulle mucose così come sulla cute sono, in linea generale, da considerarsi altro che dei semplici accumuli di pigmento, senza alcvun altro significato se non estetico se non in alcuni casi in cui possono essere spia di affezioni interne (poliposi familiare, Sdr. di Reclighausen)
Nella mia professione ho visto svariate volte pigmentazioni localizzate ai genitali ed al glande; potrebbero essere lentiggini o nevi.
Faccia comunque interpretare il quadro ad un bnravo dermatologo
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Marcello Stante
28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
mi associo alla valutazione del collega, permettendomi di aggiungere la necessità di un esame dermoscopico ad opera di un dermatologo.
saluti