Utente 746XXX
Buongiorno, ho 26 anni e ho gentilmente bisogno di un consulto: oggi sono andato a ritirare le analisi del sangue e ho trovato i seguenti risultati fuori dal normale:
1) Bilirubina totale 1,39 mg/dl su un max di 1,20 mg/dl: valore che ho da una vita (un medico primario amico di famiglia sostiene che si tratta di sindrome di Gilbert poichè non ho nessun altro esame epatico che possa far pensare ad un'alterazione patologica)
2) GOT/AST 39 U/l su un max di 37 U/l: l'ultima volta che ho effettuato questo esame al 19/02/2007 il mio vlaore era 23 U/l su un max di 35 U/l
3) CPK a 1600 U/l su un max di 195 U/l: premetto che la sera prima dell'esame ho giocato a calcetto e mi sono causato una contrattura "a freddo" al quadricipite femorale della coscia destra.
Potete tranquillizzarmi? Oppure indirizzarmi su cosa fare... ho paura di avere qualcosa di grave... :( Aggiungo anche che vengo da un fortissimo periodo di stress per gli esami in università (circa 1 mese)
VI PREGO AIUTATEMI...
[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signore,
mi permetto di risponderle pur non essendo medico di base, ma solo in considerazione del suo stato di preoccupazione e, in attesa che rintracci il suo medico curante, Le dico : CALMA, va tutto bene
Nel senso che gli esami che lei riporta, pur avendo delle alterazioni, non risultano particolarmente significativi.
La bilirubina e le transaminasi (GOT/AST - GPY/ALT) risentono della alimentazione in maniera importante e quindi vanno valutate in relazione agli alimenti assunti.
Per quanto riguarda il CPK si tratta di un enzima presente nel muscolo. In caso di affaticamenti muscolari tende ad aumentare. Ora se lei ha effettuato una partita di calcetto ed ha avuto una contrattura il minimo che le possa accadere è quello di avere dei valori alterati di CPK.
La riprova la potrà avere osservando un periodo di dieta e riposo ripetendo successivamente gli stessi esami.
Per una valutazione più completa e per ogni ulteriore delucidazione la invito comunque a contattare il suo medico curante