Utente 346XXX
Buonasera
Vi espongo il mio problema soffro di un dolore alla spalla all'altezza dell'acromion, faccio palestra da anni. Da dicembre scorso ho iniziato ad avvertire dolore in seguito ad allenamenti intensi con sovraccarichi. Ho fatto una visita da un ortopedico che mi ha fatto un infiltrazione di cortisone all'altezza dell'acromion dicendomi che avvertiva quella che in gergo chiamano "tasto del pianoforte". Dopo l'infiltrazione sono stato fermo un mese, poi ho ripreso ad allenarmi ma ogni volta che faccio panca ho male e per 2/3 giorni successivi mi fa male anche tutto il braccio. Ho fatto una risonanza magnetica e una visita dall'osteopata nel mentre che aspetto di andare nuovamente dall'ortopedico. Losteopata mi ha detto che non vi sono particolari problemi di postura e che secondo lui l'ortopedico sistemerà tutto con un ciclo di 5/6 infiltrazioni. Di seguito scrivo il referto che ho avuto dalla risonanza, vi chiedo cortesemente un parere
Grazie in anticipo

RM SPALLA SINISTRA
Esame multiparametrico e multispaziale. In anamnesi algie persistenti.
Tendinosi della cuffia con edema interfibrillare sia del sovraspinoso che del sottoscapolare,senza lesioni tendinee.
Il capolungo del bicipite è in sede ed ha regolare aspetto RM.
Non si osserva versamento intra-articolare o bursitico di entità significativa.
I rapporti articolari gleno-omerali ed il trofismo osseo sono conservati.
Si rileva a livello acromion-claveare un iniziale ispessimento fibro-capsulare con impegno del cuscinetto subacromiale e tendenza all'impingement anteriore.
Nei limiti il trofismo dei piani muscolari periarticolari.
Il cercine fibrocartilagineo glenoideo conserva normale morfologia allo studio basale

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Le patologie della spalla, per la loro complessità, richiedono un inquadramento completo ovvero raccogliendo tutti i dati: storia clinica, esame clinico, esami strumentali.
Sulla scorta dei soli dati che riporta, si può intuire che forse c'è un problema a carico dell'articolazione acromion/claveare (A/C) che probabilmente può essere la causa di un impingement subacromiale.
Legga il link: http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/1758-sindrome-conflitto-subacromiale-spalla.html
Mi tenga informato sugli sviluppi.
Auguri
[#2] dopo  
Utente 346XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno dottore,
avevo già letto il suo articolo sospettando si trattasse di quello. Supponendo che l'ortopedico la settimana prossima dopo la visita mi confermi un problema a carico del sovraspinoso e visto che quando ho fatto la risonanza, ho chiesto e mi hanno detto che l'acromion è di tipo 1 piatto e non a uncino (quindi il dolore non è causato dal "tetto") lei che terapia mi suggerirebbe?
Il cortisone so che sfiamma bene però so pure che non fa bene a tendini e cartilagine, l'osteopata mi ha detto che secondo lui tecar, ultrasuoni e onde d'urto per questo tipo di problema non sono risolutive e che solo le infiltrazioni possono risolvere.
Le farò sapere cosa mi dirà lo specialista della spalla nel frattempo la ringrazio
[#3] dopo  
Utente 346XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera dottor Grosso volevo aggiornala in seguito alla visita dell'ortopedico.
Dopo aver spiegato la storia clinica allo specialista e vedendo la mia muscolatura accentuata (sono 76 kg per 170 cm) ha pensato subito ad un problema al capolungo del bicipite, l'ortopedico mi ha spiegato che spesso chi fa pesistica infiamma questo tendine e il dolore si ripercuote all'altezza dell'acromion. Ma dopo avermi fatto dei test di mobilità ha notato che effettivamente il dolore non compariva sui test a carico del bicipite, così ha provato a farmi un' iniezione sull'acromion con dell'anestetico e un pò di voltaren. Me l'ha fatta per vedere se anestetizzando la zona il dolore spariva temporaneamente almeno a suo parere escludeva un problema al bicipite, e come per miracolo dopo dieci minuti non avvertivo nessun fastidio mi ha fatto provare a fare delle flessioni che di norma mi davano fastidio e non sentivo più nulla. Ovviamente l'ortopedico mi ha detto che da li a un'ora l'effetto dell'anestetico sarebbe sparito e avrei iniziato nuovamente a sentire dolore e probabilmente un pò più di prima perchè aveva infilato l'ago proprio sull'acromion, e così è stato, il dolore è tornato
Ora lo specialista come conclusione mi ha richiesto un RX della spalla (dice che nella risonanza non ho nulla e vuole valutare le ossa) perchè mi ha spiegato che tra l'acromion e la clavicola c'è una specie di menisco come per il ginocchio e può essere che si sia infiammato oppure dice che la clavicola può essersi consumata contro l'acromion. Settimana prossima faccio RX poi tornerò dallo specialista, mi ha detto che nella migliore delle ipotesi con 3 infiltrazioni sull'acromion si "sfiamma" la zona se invece si sono usurate le ossa tra acromion e clavicola bisogna limare di 5/6 mm la clavicola.
Adesso sono passati tre giorni dalla visita e dall'infiltrazione e devo dire che mi pare di non avere più fastidio è anche vero che non mi sto allenando a fare pettorali, però prima faceva male anche senza allenarmi nei normali gesti quotidiani.
Può darmi un parere sulla diagnosi fornita dal suo collega?
grazie saluti