Utente 349XXX
Ragazza, 35 anni.

Voglio salutare tutti e ringraziarvi anticipatamente per il vostro supporto.

Sono qui per cercare rassicurazioni e per togliere i dubbi che i confronti con i medici degli ultimi mesi non hanno saputo svelarmi.

Due mesi fa sono stata ricoverata per una polmonite e successivamente, a causa della pillola anticoncezionale e di un deficit di proteina c ereditario scoperto solo una volta già successo quanto di seguito, ho avuto una trombosi venosa profonda alla gamba destra (asse illiaco-femorale) e con complicanza di embolia polmonare (vena cava inferiore).

Con febbre persistente (38.5) a causa della polmonite sono stata trattata con antibiotici e dopo punture di eparina sono passata al coumadin e fasciatura della gamba.

Dopo 2 settimane mi hanno dimesso. Tuttora assumo coumadin con controlli regolari dell'INR, l'embolo nella vena cava inferiore si è quasi sciolto del tutto mentre nella gamba i trombi (ne ho 3: inguine, coscia e polpaccio) si sono ricanalizzati del solo 10%. Utilizzo la calza elastica dal piede all'inguine ma la gamba presenta ancora un po di edema (niente in confronto al momento di tvp acuta, ma il polpaccio, la caviglia e la coscia si presentano ancora leggermente gonfi e duri al tatto.).
La temperatura è ancora un po alterata e nel pomeriggio oscilla tra 36.7 e 37.2.

Cerco di seguito di porvi puntualmente le domande alle quali vorrei una risposta:
- Dopo quanto tempo dovrei osservare una ricanalizzazione delle vene della gamba?
- L'edema è dovuto ai trombi che ancora persistono? Man mano che i trombi si sciolgono e la vena si ricanalizza l'edema deve scomparire?
- Quali attività sportive sono consigliate e quali invece non lo sono?
- Posso fare viaggi e se si quali accorgimenti devo prendere?
- Quali sono i sintomi di un eventuale complicanza per i quali devo recarmi al Pronto Soccorso?
- La temperatura dovrà scendere man mano che i trombi si ricanalizzano?
- Per quanto tempo sono a rischio di una recidiva o comunque dopo quanto tempo posso stare tranquilla che nessuna complicanza venga fuori?
- Ho letto di 'ipertensione polmonare' e di 'insufficienza venosa'. E' un mio rischio?

Vi ringrazio per la vostra pazienza e professionalità.
Spero di trovare in voi un supporto perchè sono davvero spaventata.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le rispondo in ordine alle sue domande
- non è detto che la vena occlusa si ricanalizzi
- l edema va di pari passo con la occlusione, se questa dovrebbe ridursi dovrebbe ridursi anche l edema
- le attivita fisica consigliabile sono il cammino ed il nuoto, quando la situazione si sarà stabilizzate se non risolta. Altre attivita fisiche sono sconsigliate
- i viaggi non sono sconsigliati se assume il Coumadin e se l INR è almeno 2,5
- deve recarsi in PS in caso di aumento dell affanno
- lei dovrebbe eseguire terapia con Coumadin a vita, non assumere anticoncezionali e ovviamente stare lontana dal fumo, altrimenti tutto è inutile

Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 349XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la risposta.

Vorrei chiederle ancora questo:
attualmente sono ancora presenti questi coaguli nella gamba. C'è possibilità che parte di questo caugulo si stacchi e parta dunque un altro embolo mentre sono in TAO?

Quando potró affermare di essere fuori da questo pericolo?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Un nuovo episodio tromboembolico sotto TAO è improbabile ma non impossibile.
Per questo le consiglio di proseguire indefinitamente la terapia con anticoagulanti orali a vita.
Cordialità
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 349XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la celere risposta e le pongo ancora un quesito.

Come mai lei mi consiglia la terapia a vita?

I medici con i quali attualamente sono in cura sono confidenti che tra 6 mesi - 1 anno possa sospendere il trattamento e al massimo assumere cardioaspirina o equivalenti.

Inoltre, lei ritiene che debba utilizzare la calza elastica per molto tempo ?