Utente 349XXX
Mi chiamo Alessandro ed ho 28 anni. Soffro di extrasistoli da quando avevo 16 anni circa, solo che negli ultimi anni hanno iniziato a preoccuparmi particolarmente e la qualita' della vita non e' massima a causa dell'ansia. Ho effettuato un holter nel 2012 con 60 besv e 4 bev, diversi ecocardiogrammi con esito negativo ed un test da sforzo massimale un paio di mesi fa durante il quale non ho avuto neanche un'extrasistole. La mia preoccupazione e' dovuta dal fatto che almeno 2 o 3 volte a settimana vado a correre o gioco a calcetto con i miei amici e spesso avverto durante l'ezercizio fisico qualche extrasistole che mi fa spaventare molto...in un paio di casi dopo la prima me ne sono venute una ventina, forse procurate dalla paura e mi sono dovuto fermare...le 2 psichiatre che ho incontrato da 3 anni e cioe da quando ho iniziato a soffrire di attacchi di panico mi hanno detto che le mie extra sono procurate da me stesso e dalla mia ansia. MORALE DELLA FAVOLA: Vivo sereno per un paio di giorni e poi o a riposo e sotto sforzo ecco che si presentano le extra! E da li la paura porta tristezza e non vivo mai sereno al 100%. Prima domanda: Sotto sforzo c'e' differenza tra extra ventricolari e sopraventricolari?
Seconda domanda: Nonostante il test massimale da sforzo senza extra, devo preoccuparmi se sento durante attivita' fisica grandi tonfi al cuore?
Piccola precisazione...a volte anche durante il sesso sento qualche extrasistole.
Grazie in anticipo per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
Considerando gli esami che ha fatto e la numerosità' degli eventi documentati se vuole un consiglio per vivere bene si dimentichi del fenomeno . Non esiste una sola ragione per preoccuparsi e dalle documentazioni che descrive emerge una condizione di assoluta normalità' . Pertanto se sente le extrasistoli le ignori e viva felice.
saluti