Utente 757XXX
Salve gentilissimi medici, ho 39 anni e fin da quando ne avevo circa 25 soffro di extrasistole, ma erano poche e dopo qualche controllo medico con diagnosi strass e ansia continuo tranquilla la mia vita di sportiva agonistica, danzatrice professionista e attualmente insegnante di danza, però da circa 2 anni le mia extrasistole sono aumentate, fatto holter ma tutto a posto, avuto anche episodi di penso siano tachicardie ma non ne sono sicura perchè nessuno mi ha mai registrato, in pratica la sensazione è come se improvvisamente come se qialcuno premesse un bottone mi parte il cuore a velocità indescrivibile, dura circa qualche minuto ma è orribile e poi improvvisamente torna tutto nella norma, apparte lo spavento e la sensazione di svenimento, riguardo a questi episodi ho cominciato ad evitare le emozioni forti perchè stranamente accadevano proprio li (quando ballavo con trasporto, oppure forti paure) solo una volta mi è venuto mentre lavavo il pavimento dopo 3-4 extrasistole forti.
Fatto eco e un doc mi ha diagnosticato un aneurisma del setto interatriale con pervità, fatto anche eco tranesofagea e doppler trans cranico, dicono niente di grave, premetto che da circa 3 anni mi hanno diagnosticato sindrome di hascimoto, prendevo eutirox da , il doc pensava che forse le extra sistole fossero causate o da eutirox o da questo problema congenito.
Smesso di mia inizitiva di prendere eutirox ma cambiato niente, io non sopporto più questi sintomi che vengono in qualsiasi momento e mi spaventano molto da causarmi veri e propr attacchi di panico, infatti ho deciso di andare anche in psico terapia e ogni tanto quando ho questi attacchi prendo ansiolitici, ma non mi piace fare uso di questi farmaci continuamente, provato anche beta bloccanti ma mi sentivo molto stanca e con il lavoro che faccio più 2 bambini piccoli era impossibile e poi non mi risolveva il problrma più di tanto.
Alla fine mi hanno messo un apparecchio sotto la pelle sotto la clavicola che dovrebbe registrare le anomalie dei battiti, ma per ora ono solo 2 mesi che ce l'ho, la mia vita si sta sempre di più restringendo, la psico terapia mi ha fatto bene ma non ha risolto il rpoblema, VORREI NON AVERE PIù QUESTI SINTOMI, ho smesso di fare sport ed ho paura a rimanere sola, la situazione è critica, si può guarire? è possibile fare qualcosa per cancellare questa patologia anche se non grave? Scusate lo sfogo...grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,premesso che la terapia con eutirox sia utile e quindi da continuare,cosi come la psicoterapia possa essere un buon supporto,non ci sono informazioni sufficienti sul problema del cuore,nel senso che lei descrive molto bene i suoi sintomi che sono molto chiari,ma sarebbe utile conoscere in dettaglio i referti di questi esami,perchè lei dice che è tutto a posto,ma se la sintomatologia persiste e le condiziona la vita a mio parere non è proprio tutto a posto e forse varrebbe la pena approfondire e rivalutare bene le cose,ad esempio parla di aneurisma del setto ma soprattutto di pervietà,quanto è grande questa pervietò?magari ci sono gli estremi per fare un intervento che risolve il problema o una procedura di elettrofisiologia o semplicemente rivedere in dettaglio la terapia e provare con degli altri schemi di farmaci;se ha occasione faccia sapere qualcosa di più dettagliato su esami eseguiti e risultati e magari potremo dare un parere più preciso su cosa si può eventualmente fare.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 757XXX

Iscritto dal 2008
Salve gentilissimo dr Annoni, avevo il compiuter rorro altrimenti avrei risposto immediatemente, che è tutto a posto lo dicono i medici che mi hanno guardato non io chiaramente, anch'io mi sono chieste sempre ma perchè deve essere così se è tutto a posto? Ma risposte chiare non sono arrivate, colpa delo stress ma chi non è stressato oggi.., poi dell'aneurusma ma poi negativo anche questo, poi dell'eutirox ma qnche questo sembra non sia la causa, addirittura il mio medico curante mi ha detto che cim devo convivere..a quel punto non avevo pià parole, e alla fine mi sono chiusa in me stessa pensando che forse la ricerca scentifica non è ancora arrivata a capire certe patologie, mi scusi tanto pe lo sfogo.
Io ho tutti gli esami. non butto via niente, ma nom riesco a capire quali numeri e cifre si riferiscono alla grandezza del buco, intanto provo a scrivere pari pari le conclusioni di ogni esame importante:
DOPPER TRANSCRANICO CON MEZZO DI CONTRASTO : è stato effettuato un monitoraggio dell'arteria cerebrale media di destra in condizioni basali e dopo esecuzione di manovra del Valsalva. Nel corso della prova sono state rilevate 3 microbolle in condizioni basali e 20 microbolle dopo esecuzione di manovra di Valsalva.
Conclusioni: reperto indicativo di shunt-destro-sinistro permanente di lieve entità.(esame del 5-12-2007)
ECO TRANSESOFAGEO: CONCLUSIONI: dimensioni cavitarie normali, funzione sisto diastolica biventricolare normale. presenza di aneurisma del setto interatriale con evidenzia di oervietà del forame ovale con shunt sin>dx unidirezionale non emodinamicamente significatico. Dopo somministrazione di ecocontrasto e contemporanea manovra di Valsalva non si evidenzia shunt dx>sin. (esame del 20 nov 2007).
Poi ce scritto punteggio di asinergia 1,00 e altri numeri sotto ma non so se può interessare, sulle foto ci sono lettere e numeri se è il caso glieli scrivo in seguito magari.
pOI NEL CONTROLLO PACEMAKER di quell'apparecchio diagnostico che ho sotto la pelle dice: registrato episodio di tachicardia verosimilmente sv con fc 180 bpm (esame del 2-07-2008), fra l'altro io non mi sono accorta di questa tachicardia perchè ballavo e quindi ero sotto sforzo.
Domanda: è possibile che lo stomaco influisca? e io prendo costantemente selenio e magnesio presi in erboristeria..
Grazie mille attendo una risposta, e buone ferie.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Generalmente lo stomaco non c'entra nulla con i disturbi cardiaci,almeno per la sua sintomatologia,a volte casi di pirosi gastrica ed esofagea posso essere scambiati per angina ma non è questo il suo caso;quello che prende in erboristeria nemmeno e se le da beneficio nessuna controindicazione;
A questo punto penso che vada impostata uan terapia antiaritmica corretta(che non riferisce perchè non prende nulla o perchè non l'ha segnata?)per dominare le extrasistoli,ed eventualmente sentire un elettrofisiologo per l'esecuzione di un SEF cioè uno studio che consiste in una mappatura delle vie di conduzione elettrica del cuore che potrebbero avere delle vie accessorie o anomale(spesso ci sono e passano in prossimità nel caso di setti aneurismatici),che una volta identificata potrebbe essere interrontta con sensibile riduzione delle extrasistoli e della sintomatologia.
Buone vacanze e cordiali saluti
dr.Annoni Andrea