Utente 312XXX
Buongiorno dottori vi ringrazio per il vostro servizio e vi pongo un quesito diagnostico che mi riguarda. Circa un anno e mezzo fa ho avuto un emotorace per trauma toracico, drenato e successiva reinfezione reattiva, che si è asciugato dopo circa 6mesi. Ho eseguito due TAC da allora che evidenziano atelettasia polmonare, l' ultima con consolidamento parenchimale di 15mm di diametro subpleurica, leggermente migliorato al precedente di 9mesi. Il problema è che ancora accuso dolore al torace e alla schiena,affaticamento dopo sforzo e inoltre sporadica febbre. Il chirurgo toracico che mi ha visitata ha detto si trattino di aderenze di sangue miste a liquido che per il momento non vanno trattate ma rivalutate nell'evoluzione. Quel che mi chiedo il dolore che avverto passerà? È a rischio reinfezione questa aderenza? C'è qualche rimedio che faciliti l'assorbimento?
Grazie è cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Ottorino Perrone
24% attività
0% attualità
12% socialità
COSENZA (CS)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,
esiste la possibilità, neppure assai remota, che si instauri una sovrainfezione polmonare. Difficilmente allora riuscirà a lenire il dolore che avverte. E' necessario riguardare alle immagini per poter giudicare. Potrebbe essere indicata anche una piccola resezione polmonare (corrispondente all'area che descrive come di consolidamento e che costituisce solo territorio fertile per la sovrapposizione batterica).
[#2] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dottore intanto la ringrazio per la sua risposta.
Le sue parole confermano ciò che pensavo. Il chirurgo toracico mi aveva detto di ripetere la TAC fra qualche mese,che sarebbe dovuta essere pulita,altrimenti mi ha accennato di questo intervento,in endoscopia. Si riferisce a questo? Ma quanto è rischiosio? Nel frattempo c'è qualche modo per evitare la sovrainfezione?
Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Ottorino Perrone
24% attività
0% attualità
12% socialità
COSENZA (CS)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Mi riferisco alla toracoscopia, sì. Una profilassi antibiotica adeguata dovrebbe essere il primo obiettivo. Non è un intervento "rischioso" per come lo considera Lei. Tutti i trattamenti hanno una piccola percentuale maggiore o minore di complicanze.
[#4] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dottore la ringrazio per le sue risposte, è stato molto esaustivo.
La terrò aggiornata.
Cordiali saluti