Utente 171XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni e da martedi ho accusato dei dolori tra la fossa iliaca destra per poi spostarsi sul fianco destro prendendo anche la zona dei reni.
Sono corsa al pronto soccorso e mi hanno fatto una flebo di toradol, dicendomi che era l'inizio di una corica renale (senza farmi eco o esame del sangue!!!)
Contatto lo specialista e intanto faccio un'eco renale e l'esame delle urine ed emocromo.
I reni risultano sani, senza sabbiolina o calcoli (mi hanno rilevato solo aria nella pancia); i risultati delle analisi sono i seguenti:

Nitriti Presenti
Leucociti Diversi
Cellule Rare
Cristalli Alcuni orati amorfi
emazie rare
Flora batterica presente

Emocromo

WBC

NEUTRO 73.8 40-74
LINFO 19.0 20-48
MONO 5.9 3-15.0
EOSI 1.1 0-8
BASO 0.2 0- 1.5
NEUTRO 8.52 +(10^3/uL)
LINFO 2.20
MONO 0.68
EOSI 0.13
BASO 0.02


In seguito alla visita, lo specialista mi ha dato voltaren compresse e il cefixoral come antibiotico, supponendo che possa essere una colica renale sine materia, con qualche granello impercettibile nell'uretere.

Le fitte mi sono passate, ma ho una sensazione di gonfiore all'altezza dello stomaco, con qualche lieve contrazione al fianco sinistro e che giunge alla zona del rene sinistro (quindi non più destro) e se tocco un punto dello stomaco, premendolo sento un dolorino.
Il mio timore iniziale era che potesse essere appendicite, posso stare serena? So che a volte i dolori tra questa e la colica renale sono simili.
[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
egregia singora,
la presenza di una cistopielite (infezione/infiammazione della vescica e dell'uretere e del seno pielico) è caratterizzata da intensi dolori di tipo colico associati a segni di flogosi (febbre,urine scure maleodoranti,bruciore minzionale). E' possibile una diagnosi differenziale con l'appendicite ,ma nel vostro caso,la presenza di nitriti e batteri nelle urine,fa pensare ad un'infezione urinaria.
In tale contesto,non sono d'accordo con la terapia come Voltaren e Toradol in tali situazioni,in quanto detti farmaci possono avere effetti negativi sul rene e sullos tomaco,ed a mio parere,vanno dati solo in casi selezionati.
Consiglierei pertanto; ripeta esame urine ed urinocoltura con cadenza mensile a distanza dal ciclo mestruale;regolarizzi l'alvo se stitico bevendo molto ed utilizzando fibre nella dieta ed utilizzano dei fermenti lattici per una diecina di giorni. In caso del perdurare dell'infezione o di segni di flogosi delle vie urinarie ritengo utile eseguire una visita nefrologica.
un caro saluto