Utente 764XXX
buona sera a tutti scrivo per mio cugino minorenne di 16anni.
Da quando è piccolo soffre di gravi problematiche riguardanti allergie alimentari.
Riporto valori attinenti alle ultime analisi del sangue:
IGE totali 980,30
IGE alfa-lactalbumina 1,18
IGE pesca 4,90
IGE uovo(rosso) >100,00
IGE beta-lactoglobulina 0,20
IGE uovo(bianco) >100,00

Volevamo sapere qualche consiglio,anche se queste allergie sono state diagnosticate all'età di 3 anni (per uovo e latte,per la pesca un paio di anni fà), ed egli ha girato moltissimi dottori,ma con risultati negativi.
Vorremmo sapere un pò di consigli su come curarle,cosa succede al livello medico quando uno di questi cibi entra nel corpo e perchè provocano dolori fortissimi alla pancia che solo (scusate la parola) vomitandoli ricreano stabilità (anche se con una serie di spossatezza,debolezza,sonno).

Grazie in aticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
E' poco realistico che un sito telematico possa dare consigli migliori su un paziente che ha 13 anni di storia clinica alle spalle e ha girato numerosi specialisti.

A livello biologico succede che certe molecole degli alimenti incriminati (allergeni) si legano ad anticorpi di classe IgE, che sporgono da certe cellule del sangue e nelle mucose. Quando avviene il legame allergene-IgE tali cellule ne risentono e rilasciano dei potenti mediatori chimici che causano diarrea, vomito, dolori ecc.

Vomitando il cibo si allontana lo stimolo.

Il momento di anormalita' degli allergici consiste nel fatto che tutti prima o poi veniamo esposti es. alla ovoalbumina, ma solo loro reagiscono male producendo IgE. Una volta presenti le IgE, il resto e' automatico (se si iniettano le IgE di un allergico in un non-allergico, questi diventa allergico anche lui).

Ricordiamo al cugino minorenne che essendo allergico alle proteine dell'uovo, dovra' evitare di sottoporsi a vaccinazioni antivirali (es. l'antinfluenzale), in quanto i virus vengono coltivati su embrioni di pollo (= nelle uova fecondate) e nel vaccino rimangono tracce di uova.


[#2] dopo  
Utente 764XXX

Iscritto dal 2008
la ringrazio.....consigli su come curarla?
[#3] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Non si cura, ci si astiene dai cibi incriminati.