Utente 355XXX
Effettuato l'esame per la prima volta, referto riporta come conclusione: oligoasthenozoospermia and HOS test sotto i livello normali.
Qualche dettaglio:
vol:3ml
liquific.: 10min
ph:7.7
HOS test: 58.1%
vitalita:58.1%
concentr:12.73 mln/ml ==== 38.2 mln/sample
motilita (p):18.07%
motilita (np):13.86%
immotilita:68.07%
Non so quanto grave sia la situazione, ma sembra non ottimale.
Sto attendendo appuntamento con andrologo.
Non abbiamo ancora figli e vorremmo averne.
Qualche gentile consiglio o suggerimento come prossimi step da intraprendere?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il suo esame del liquido seminale sembra presentare un numero ed una motilità dei suoi spermatozoi ridotta.

Mai però fare una diagnosi con un solo esame del liquido seminale; in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Nel frattempo,se desidera poi avere altre informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna un’infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
Caro dottore,
la ringrazio (anche se in ritardo) della sua opinione e consigli.
Dopo un'ulteriore visita dall'urologo che avevo interpellato in precendenza, il consiglio e' stato di fare un'analisi del testosterone e della prolattina.
Ecco qui i risultati:
- testosterone: 549ng/dl (soglie 280-800)
- prolattina: 33.1ng/ml (soglie 4-15.2)

In attesa di una visita andrologica (oppure stiamo cercando anche un maggiore esperto), la ricerca sul web per la prolattina alta rimanda a molte cause/consigli.... :(

Quali le possibili "relazioni" tra i dati ormonali sopra citati ?
Rimango in attesa di un'opinione.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La prolattina è stata dosata in basale e/o dopo un adeguato periodo di riposo?
[#4] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno,
grazie per la celere risposta.
Posso dirle che ho fatto l'esame appena svegliato, a digiuno. Per il metodo di analisi, posso dirle che nel referto vedo scritto usato il metodo elettrochemioluminescenza. Ma non so se e' quello che Lei chiede.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Generalmente l'esame, quando il valore della prolattina è mosso, viene ripetuto con queste modalità: prelievo basale, come sempre, poi si lascia in vena un'agocanula eparinata e lei viene fatto sdraiare in un luogo senza confusione e tranquillo per circa 30-40 minuti, e poi il prelievo viene ripetuto.

Se il secondo prelievo mostra valori ritornati nella norma allora il rialzo della prolattina è fasullo ed è solo dovuto ad una situazione di "stress" momentaneo.

Prima di iniziare un iter diagnostico più impegnativo o peggio terapie inutili è bene ripetere, con le modalità ricordate, il dosaggio della prolattina.

Ancora un cordiale saluto.