Utente 768XXX
Buongiorno, inanzi tutto faccio i miei migliori complimenti per la serietà che mettete nel rispondere alle domande, ora passo al mio tema.
Sono un ragazzo di 26 anni..nel 2003, mi sottoposi al nptr test che mi diede esiti negativi (infatti l'urologo mi disse che il deficit erettivo di mantenimento si trattava di natura psicogena)..infatti i risultati del test furono:BASE LINE TUM 8.7 AVG EVENT RIG 22/32 Sustained erectile activity RAU 49 70 e TAU 40 56 e NUMBER OF EVENTS 7
mentre per il secondo BASE LINE TUM 7.5 9.0 AVG EVENT RIG 21 63 Sustained erectile activity RAU 14 42 e TAU 11 18 NUMBER OF EVENT 8

mentre un altro esame ecodopler penieno dinamico mi diede questi esiti:
Simmetrici i corpi cavernosi penieni, di aspetto regolare.
Riconoscibile a riposo flusso arterioso nel contesto delle arterie cavernose.
Dopo iniezione di 10 micro gr di caverjet si assiste a risposta erettile in tempi normali, di consistenza scarsa.
Alla valutazione doppler rapido e persistente incremento di flusso sistolico, con valori normali. Persistente flusso diastolico è riconoscibile nel contesto delle arterie cavernose con valori elevati (8-10 cm/s) anche tardivamente.

Andai a farmi visitare poi dal dott.Montorsi a Milano il quale mi disse che era tutto un fattore psicologico, che erano molti i casi di falsi positivi in quell'esame ....poi seguii un percorso psicologico con un aiutino col cialis 10mg , e vedo che riesco a penetrare benissimo la mia partner e la mia erezione è molto piu forte (anche senza cialis sento di riuscire a mantenerla) allora era tutto un fattore psicologico?......è possibile bloccarsi per un così dire (falso positivo?)allora non ho mai sofferto di fuga venosa!....grazie per i consigli.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

il fatto che lei riesca ad avere rapporti sessuali validi solo con l'aiuto del Cialis è una dimostrazione che i suoi corpi cavernosi richiedono un maggior afflusso di sangue arterioso per ottenere la rigidità e per mantenerla, come spesso succede in chi abbia un sistema Veno Occlusivo Cavernoso incapace di determinare una valida Veno-Occlusione.
E' chiaro che la consapevolezza di avere rapporti sessuali con l'aiuto del cialis può portare alla possibilità di averli anche senza, ma tale ipotesi dovrebbe essere verificata e non solo immaginata.
Comunque mi sembra positivo che lei riesca ad avere una vita sessuale gratificante e non sia incorso in inutili interventi chirurgici.
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 768XXX

Iscritto dal 2008
Quindi il consiglio che lei mi potrebbe dare è quello di continuare con l'uso del Cialis (Al momento uso cialis 20mg diviso in due, così da ottenere una pastiglia da 10),ma com'è possibile che 2 esami mi diano esiti differenti?....il rigiscan mi da tutto ok (come vede nei parametri che le ho sovraesposto) mentre ecodopler mi da un esito ambiguo.....certo...l'importante è che io riesca a fare sesso con la mia ragazza, e visto che riesco a penetrarla vuol dire già questo che anche se ci fosse un problema viene superato con l'utilizzo di un aiuto mediante farmaco....il fatto è che ho paura a smettere di prendere cialis (il mio Andrologo me lo prescrisse per una terapia in modo...un po alla volta...di riuscirci da solo) il fatto è che quando lo uso mi ricorda le erezioni di quando avevo 15 anni!....Poi dimenticavo di dirle che le ultime volte che sono andato a farmi visitare dal mio Andrologo ogni appuntamento mi faceva delle iniezioni di caverjet per vedere la reazione di tumescenza ogni volta aumentava fino ad arrivare a 10mg di caverjet, ed il suo parere era che stavo apposto....quindi a chi credere?...visto che è dal Novembre 2002 che vado a fare visite ad Andrologi ed Urologi di mezz'italia e la maggior parte di loro dice che è un fattore psicogeno (dovuto allo spavento di quell'esame ecodopler)....ah! dimenticavo di precisare che tutto è iniziato perchè a 20 anni ho avuto l'idea di mettere il mio pene su un vaacum (per far aumentare il volume del pene) in effetti aumentò (ritengo di averlo piu grosso) ma poi presi spavento di essermi procurato qualcosa....magari lieve ...ma pur sempre qualcosa...quindi iniziai il mio calvario che sembra essersi concluso positivamente....) e forse vale di piu un parere come L'Andrologo Montorsi...di Milano che a detta di molti vostri colleghi è un luminare della chirurgia peniena ...che mi disse subito che non mi avrebbe mai operato...perchè secondo lui non avevo niente....solo un grosso spavento!!.....vi ringrazio già da ora per le risposte che saprete darmi.
[#3] dopo  
Utente 768XXX

Iscritto dal 2008
C'è qualche medico che può rispondere al secondo argomento che ho scritto????....cordiali saluti....grazie.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la interpretazione dell'esame rigoscan non può essere fatta solo con i dati che lei riferisce.
la valutazione ecocolordoppler , coì come riferita, non mi sembra assolutamente normale.
Rimango dell'opinione già espressa.
Sono sempre molto perplesso riguardo ai pareri "flash" anche di Luminari.
Alcuni casi clinici vanno capiti "globalmente" e seguiti nel tempo
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 768XXX

Iscritto dal 2008
Infatti!....sono andato a farmi visitare dal dott.Gabriele Mercuri a Venezia...il quale mi disse (dopo iniezioni di caverjet) che secondo lui visto la durata della tumescenza era da escludere un danno serio alle strutture del pene....e che quell'esame (l'ecodoppler penieno) con quell'esito, era da ritenersi influenzato da fattori psicologici!...In effetti ricordo che passai periodi di depressione dovuti alla paura che presi!....e quindi a suo parere l'esame poteva essere stato influenzato dall' ansia....ora se riesco a penetrare la mia ragazza..e da quando mi sono calmato riesco anche a tenere il mio membro fino alla fine del rapporto....pur continuando a volte a prendere 10mg di Cialis....posso stare tranquillo della mia situazione ,sopratutto guardandomi indietro dal 2003 al 2008 sono mooolto migliorato!....se dovessi dare ragione al parere del prof.Mercuri e del Prof.Montorsi....io ho passato 4 anni di depressione dovuti a quell'esame (ecodoppler) dall'esito sbagliato o dai loro pareri falso positivo!.....lo stesso vale per il medico che mi fece inizialmente il rigiscan e che come prognosi decretò...cause psicologiche....senza contare i molti soldi spesi in consulti Andrologici e Psicologici...Il Cialis certo è un valido aiuto!...ma se il mio pene penetra anche senza il suo utilizzo vuol dire che è apposto! , o quanto meno le mie vene riescono a trattenere il sangue!...