Utente 359XXX
Salve, ho subito quasi 1 mese fa una distorsione al ginocchio destro e tuttora ho il ginocchio bloccato (non riesco ne a piegarlo ne a portarlo a completa estensione).
Ho effettuato l'ecografia a distanza di una settimana dal trauma e sono risultate delle infiammazioni al legamento collaterale mediale e al tendine della zampa d'oca.
Successivamente ho effettuato la radiografia che ha dato esito negativo.
Con l'ecografia e la radiografia mi sono recato da un ortopedico che si è subito sbilanciato dicendomi che per lui è il menisco rotto e che tra l'altro ritiene che sarà da operare. Mi ha fatto fare la risonanza magnetica e questo è il risultato ricevuto oggi:

"Presenza di artefatti da movimento.
Discreto edema, da impatto, dei condili femorali e dei piatti tibiali posteriori, in particolare dell'esterno.
Diffuso ispessimento e disomogeneità di segnale del legamento crociato anteriore, con evidente interruzione parziale delle fibre, in sede medio-prossimale, e riduzione del fisiologico angolo di tensione.
Modesto ispessimento del LCM, da esiti distrattivi.
Nella norma il LCP ed il LCL.
Modesta alterazione di segnale del corno posteriore del menisco mediale e del margine libero del corno posteriore del menisco laterale, da meniscosi, in assenza di sicure immagini riferibili a lesioni meniscali; utile controllo a distanza.
Modesto versamento articolare disposto nel pivot centrale e nel recesso sovrarotuleo. Segni di sinovite reattiva. Regolare il complesso estensore rotuleo."

Ho una visita ortopedica già fissata per il 1 Ottobre ma possibilmente vorrei capire prima di tale giorno il significato di questo referto.

Vi ringrazio in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Al momento che le sto rispondendo, siamo al 11.10.2014 e credo che abbia già effettuato la consulenza ortopedica del 1 ottobre.
La RM che ha effettuato mette in evidenza una serie di sofferenze del comparto capsulo-legamentoso del ginocchio.
In questi casi il mio personale atteggiamento è quello di osservare il paziente per una seconda valutazione clinica e strumentale al fine di porre una più precisa indicazione terapeutica.
Mi farebbe piacere sapere cosa le è stato proposto dal collega, se lo ritiene.
Auguri