Utente 303XXX
Buongiorno,
da qualche settimana soffro di extrasistole e vorrei un vostro parere.
Provo a darvi un quadro della mia situazione generale:
- soffro di un disturbo di ansia (con andamento altalenante) curato con discreto successo con benzodiazepine;
- attualmente sto attraversando un periodo di stress dovuto a profonde insoddisfazioni (e conseguente rabbia) in campo lavorativo (sono un funzionario in un ente locale) ed esco da una separazione coniugale;
- qualche extrasistole l'ho sempre avuta ma, circa un mese fa sono cominciate con una maggior frequenza e il mio medico di base mi ha prescritto lo xanax che ho preso per circa una settimana, con pressochè tolate scomparsa del disturbo;
- nelle tre settimane successive sono stato in vacanza e il disturbo si è manifestato molto rararamente:
- sabato scorso sono rientrato e riecco le extrasistole accompagnate da un senso di apprensione per la salute del mio cuore (evendo un padre cardiopatico!).
- a dicembre del 2013 ho effettuato una visita cardiologica con ecocardiogramma dalla quale non sono risultate petologie cardiache.
Potete darmi un vostro parere?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Continui a curare l'ansia. Le extrasistoli ne sono una conseguenza.
Saluti cordiali