Utente 346XXX
Buon giorno, giovedì sono tornato a casa dall'università con dolori ai testicoli e alle gambe, per cui ho pensato che la posizione irregolare assunta sul pullman per tornare a casa fosse la causa. Ho preso un aulin e il dolore ai testicoli e passato. Tuttavia mi sono reso conto, almeno così mi risulta, che sia riflesso e che la zona dolorante "d'origine" sia l'inguine destro. Tuttavia sabato il dolore sembra spostarsi all'inguine sinistro. Il punto è che fa male anche all'interno della coscia e se sto seduto lo sento così come avverto il fastidio al testicolo destro. Stranamente se cammino sento meno dolore così come quando sto disteso. Tutto quello che ho detto per sabato vale oggi che è domenica e non sembra essere cambiato niente. Buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Urente,soffre di sciatalgie e/o di emorroidi e di coliche renali?In tutti i casi,una diagnosi andrologica si impone.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

forse la sua iniziale ipotesi di una "posizione irregolare" può anche essere presa in considerazione ma questo variare dei sintomi da un lato all'altro e la loro estensione in regioni limitrofe, da questa postazione, ci confondono e non ci permettono, senza una valutazione clinica diretta e precisa, una qualsiasi ipotesi di causa del suo attuale processo.

In sintesi purtroppo, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo attuale problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta il suo medico di fiducia e poi, su sua eventuale indicazione, anche un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.