Utente 361XXX
Buonasera. Sono un ragazzo di 25 anni. All'età di 17 anni avrei dovuto essere operato per una circoncisione necessaria perché non riuscivo a scoprire il glande nemmeno durante l'igiene quotidiana. L'intervento non è più stato eseguito per un rifiuto da parte mia (per paura).
Fortunatamente la situazione si è sbloccata dopo vari tentativi e forzature, solo che mi è rimasta una lieve curvatura del piene verso il basso, che sembra aumentare molto lievemente, ma comunque in modo costante, tanto da provocare un certo dolore alla mia ragazza durante i rapporti.
A questo si aggiunge una difficoltà nel controllare l'eiaculazione, che ha un durata di pochi minuti. Avverto una sensibilità intensa sia durante che dopo il rapporto.
Vorrei sapere se tutti questi elementi potrebbero essere in qualche modo collegati, e a chi dovrei rivolgermi per ricevere un consulto.
Esistono dei rimedi per riuscire ad aumentare la durata del rapporto?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il quadro clinico non é chiaro ma,a naso,escluderei un rapporto tra la cimosi relativa e l'incurvamento dell'asse peniena.A tal proposito,si procuri delle foto del pene in erezione e le mostri ad un esperto andrologo per stabilire una strategia diagnostico-terapeutica vincente.Cordialità.