Utente 364XXX
Gentilissimi,
mi rivolgo a voi in quanto mi sento un po' confusa in generale da un lato, dall'altro anche riguardo i risultati del rast per alimenti che ho effettuato.
Da diversi mesi ho difficoltà di digestione e nausea(non tutti i giorni). Ho effettuato un'eco addome completo e non è risultato nulla, sono in attesa di gastroscopia avendo già eliminato il sospetto dell'helicobacter pylori. Non so dire di preciso se qualche cibo mi dia noia o meno, ho solamente individuato un forte malessere se bevo latte (non un caffè macchiato ma ad esempio caffèlatte/cappuccino con troppo latte) e se mangio una pizza (non so se sia la mozzarella, il lievito, la farina, il pomodoro!!) fatico a digerirla, mi crea senso di acidità/nausea.
Ho chiesto al medico di base di vagliare l'ipotesi delle "intolleranze alimentari" (mi par di capire che la comunità scientifica non sia in totale accordo circa l'iter diagnostico appropriato) e il medico mi ha segnato anti transglutaminasi (dal sangue risultati negativi) e rast per alimenti. Speravo segnasse qualcosa anche per il lattosio ma non l'ha fatto.
I risultati dei rast per alimenti (dopo circa un mese di attesa) sono i seguenti:
f1 bianco d'uovo 0,03 kUA/l
f3 pesce (merluzzo) 0,02 kUA/l
f13 arachidi 0,05 kUA/l
f49 mela 0,04 kUA/l
f4 grano 0,05 kUA/l
f25 pomodoro 0,03 kUA/l
f2 latte 0,03 kUA/l
f24 gambero 0,06 kUA/l
concentrazioni IgE ellergene-specifiche superiori a 0,1 kUA/l indicano presenza di sensibilizzazione

IgE totali 15,6 kU/l valori normali totali adulti fino a 100 kU/l

- Mi par di capire che non c'è sensibilizzazione nè allergia (nè valori limite) ad alcun elemento, giusto?
- Perchè tra tutti i cibi sono elencati solo quelli? è una scelta arbitraria del test?

Per eventuali "intolleranze" che esami sarebbe opportuno effettuare?
Eventuali malassorbimenti intestinali possono essere valutati con biopsia in fase di gastroscopia?

Vi ringrazio e mi scuso per il quesito confuso,

Marta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
la prima cosa che voglio dirLe è che ha capito già tutto da sola.
Non si chiedono dei RAST alimenti in maniera scriteriata e senza aver prima eventualmente fatto dei test cutanei. Il problema è che lei non avrebbe sintomi riferibili ad una reazione immunologica IgE mediata, motivo per cui sia i test cutanei che quelli sierologici non sono utili. Bene invece l'esame di screening per la celiachia. Per quanto riguarda il latte, sarebbe utile faste un Breath test per sospetta maldigestione del lattosio, e meglio il test genetico per rischio ipolattasia. Non pensi assolutamente a test per "intolleranze" alimentari, perchè non sono validati scientifiamente. Ovviamente in questi casi è molto più importante il gastroenterologo dell'allergologo.
[#2] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per aver fatto un po' di chiarezza!
Ora ho compreso anche la figura di riferimento per la problematica in questione.

Gli esami del sangue per TG igA e TG IgG con risultati negativi escludono con certezza l'allergia al glutine? si può eventualmente spostare il focus su un (eventuale) malassorbimento intestinale piuttosto che sulla celiachia oppure la biopsia rimane l'unico strumento certo? (questo se celiachia = allergia al glutine, non ne son sicura).

Grazie ancora per la disponibilità,

Marta


[#3] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Cara Marta
In medicina non ci sono certezze matematiche, ogni test diagnostico può presentare falsi positivi o falsi negativi. Ci si avvicina sempre di più alla diagnosi tanto più i test sono sensibili e specifici e se abbiamo più test da sommare. La biopsia ha certamente un valore più elevato ma è invasiva. Io penserei prima di effettuare un test genetico per rischio celiachia. Se il rischio è elevato e più giustificato l'esame invasivo. Attualmente sta inoltre emergendo un'altra entità clinica che chiamiamo ipersensibilità al glutine non "allergica" e non "celiaca" ma è un po' complicato parlarne cosi
[#4] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio davvero!

Dovendo effettuare comunque l'egds speravo di prendere due piccioni con una fava! Anche perchè temo fortemente non trovino nulla di rilevante e scarichino il problema su generica "ansia".

Grazie ancora per la sua disponibilità e gentilezza,

M.