Utente 368XXX
Buongiorno,

ho 60 anni, godo di buona salute ed esercito attività fisica e sportiva, anche per lavoro. Circa tre mesi fa, in seguito ad una violenta caduta, ho riportato lesioni alle piccole ossa del polso DX.

Questo è l'esito della prima Rx dopo l'incidente: "Calcificazione sul versante dorsale del polso dx compatibile con una lesione traumatica. Frattura del piramidale."

Dopo 21gg. di immobilizzazione con gesso la nuova Rx riporta questo esito: "Frattura composta dell'osso piramidale. Rapporti articolari conservati."

Si decide di non immobilizzare nuovamente il polso, di usare prudenza ed eventualmente un tutore al bisogno e di sottoporsi a 10 sedute di laserterapia e di riabilitazione fisica manuale e di gruppo.

Il recupero della funzionalità è ottimo ma permane dolore nella zona ulnare della articolazione, non costante ma conseguente al movimento, anche se piuttosto casuale e non facilmente riproducibile. In genere lo stesso movimento (di tipo rotazionale o flessorio) che causa dolore, se ripetuto immediatamente non lo causa di nuovo e comunque non nella stessa misura. Alla manipolazione si nota una
certa ruvidità della articolazione, non riscontrabile al polso sano.

Si effettua una nuova visita di controllo con Rx, il cui esito è questo: "Frattura dell'osso piramidale in via di consolidamento. Distacco della stiloide ulnare. Discreta rarefazione della tela spugnosa all'altezza della stiloide radiale. Segni di artrosi più accentuata in sede trapezio-metacarpale. Rapporti articolari conservati."

Se le fosse possibile può anche esaminare la stessa Rx qui:
http://digilander.libero.it/laguna2005/Rx091214/side.jpg
http://digilander.libero.it/laguna2005/Rx091214/top.jpg

Secondo voi:
- considerato che non era stato osservato fino a quel punto, lo stiloide ulnare, che manifesta comunque una forma insolita, è fratturato come riscontrato nel 3°referto radiografico?
- la forma anatomica insolita dello stiloide ulnare può costituire un problema per il totale recupero?
- che strategia diagnostica e terapeutica si potrebbe consigliare a questo punto?

Un sentito grazie. Stefano

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

spesso, anche se non sempre, traumi importanti che coinvolgano le ossa del polso esitano in un recupero funzionale non perfetto.

Occorre aspettare tuttavia ancora un certo tempo, prima di concludere che non ci siano margini di miglioramento ulteriore.

Grossi problemi non mi sembra che ci siano, ma si potrebbe tentare di eliminare un eventuale dolore articolare localizzato con una infiltrazione di steroidi.

Oltre a questo, mi limiterei a continuare con terapie fisiche tipo laser yag o simili.

Buon Natale.
[#2] dopo  
Utente 368XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio dott. Leccese,

francamente il dolore articolare non mi preoccupa in quanto tale, ma solo nella misura in cui dovesse essere sintomo di un residuo problema di tipo "meccanico".

Seguendo anche la sua indicazione, attenderò ancora un po' di tempo per vedere l'evoluzione..

Buone feste anche a Lei. Stefano
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La radiografia non desta preoccupazioni in tal senso.