Utente 307XXX
Salve,

volevo chiedere un consulto in merito a come comportarsi di fronte a questa situazione.
Mio padre, 75 enne, da poco più di un anno ha iniziato a prendere la pillola per la pressione non ha nessuna patologia cardiaca, a detta del cardiologo è legata all'età, regolarmente fa le visite e le analisi fortunatamente gode di ottima salute,da qualche giorno, con questo freddo abbiamo notato che la pressione sanguigna tende ad innalzarsi 150/160 con 80.
Il dottore ha detto che è per il freddo e che eventualmente bisogna cambiare o aumentare le dosi, il problema è che d'estate mio padre quasi soffre di pressione bassa d'inverno come in questi giorni fà il contrario.

Come bisogna comportarsi?Lui non avverte nessun disturbo però la pressione quando è alta è sempre un rischio.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buongiorno,
È abbastanza consueto chela pressione si alzi in inverno e si abbassi im estate.
Le consiglio di seguire le indicazioni del suo cardiologo, e quando con il ritorno del caldo la pressione tenderà a ridursi potreteridurre nuovamente anchela terapia per la pressione.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la risposta.

Tanti auguri di buon anno!!
[#3] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
Riapro questo consulto chiedendo nuovamente un consiglio riguardo il problema esposto.
A mio padre i primi di gennaio hanno aumentato la dose della pillola che da una cotareg 80 si è passati alla cotareg 160, i valori pressori sono diciamo rientrati nella norma arriva quando fà più freddo a 140/150 con una minima di 80, però dagli ultimi esami del sangue è venuto fuori che alcuni valori che sono sempre stati nella norma risultano adesso un pò alti, i trigliceridi a 228 normalmente li ha sempre portati 140/150 e a limite la glicemia 109, uricemia 6,97 e il colesterolo che normalmente è intorno ai 230/240 adesso è 255.
Il medico curante prima di prescrivere questi ultimi gli esami del sangue di routine, ha sostituito il cotareg con tareg sempre 160, senza sapere che i valori fossero sballati, leggevo su internet che dei possibili effetti collaterali dell idroclorotiazide è aumento dei trigliceridi, colesterolemia e glicemia.
Vi chiedo può esserci una correlazione??Ovviamente non sono un medico ma potrebbe essere che eliminando quest'ultimo principio attivo magari i valori rientreranno nella norma?

Grazie ancora