Utente 243XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni e da qualche mese soffro di questo disturbo. Sento nelle orecchie dei sibili, dei fischi, maggiormente quando vado a dormire, mentre di giorno non ci faccio nemmeno caso. Inizialmente mi davano molto fastidio ma ho imparato a conviverci e non mi creano grandi problemi per dormire. Ho fatto dei controlli per questo problema, e per quanto riguarda l'udito non ci sono problemi, allora su consiglio dell'otorino mi sono rivolta allo gnatologo che effettivamente ha notato un malfunzionamento della mandibola che è storta, (scrocchia infatti dal lato sinistro) e mi ha prescritto l'utilizzo del bite. Volevo sapere: è possibile che peggiorino con delle frequenze di volume molto alto? Ieri in palestra la musica era fortissima, siamo usciti tutti sordi dalla sala, poi il senso di ovattamento è sparito, ma oggi i fischi li sento anche di giorno e non mi hanno fatto dormire, cosa che non accadeva più da tempo, può la musica alta peggiorare la cosa? e in quanto tempo il fastidio dato dalla musica alta dovrebbe passare? grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
L'otorino probabilmente ha visto giusto nella problematica.
La mandibola che schiocchia è dovuta al movimento del disco cartilagineo dell'articolazione temporo-mandibolare.
Il malfunzionamento della mandibola (e quindi dell'articolazione) si ripercuote sull'orecchio che è separato da una sottile lamina ossea, meno di 1 mm, interrotta in alcuni punti.
Quello che succede "al di qua" si ripercuite "al di la".
Qui c'è il meccanismo di una parte degli acufeni.

Si affidi allo gnatologo, e faccia quello che che le sta suggerendo.