Utente 372XXX
Buongiorno

sono un ragazzo di 28 anni, e da circa un anno e mezzo ho notato un generale abbassamento dell'interesse nelle ragazze (che è invece sempre stato molto alto) e anche una riduzione delle "prestazioni".
Riesco a mantenere l'erezione, il problema è che non ho più lo "slancio" che avevo fino a qualche tempo fa.. mi ci vuole a volte qualche minuto prima di raggiungere l'erezione ( che, comunque, si mantiene bene)
Ho anche abbastanza spesso erezioni mattutine, che però svaniscono da sole nel giro di pochi minuti, quasi sempre prima che mi alzi dal letto.

Ho un varicocele di 2 - 3 grado al testicolo sinistro, diagnosticatomi quando avevo 18 anni e mai operato.
l'urologo al quale mi ero rivolto mi disse testuali parole "non c'è assolutamente bisogno di operare, io ad esempio ho un varicocele piu grande del tuo eppure ho tre figli e nessun problema" (ovviamente mi disse ciò a seguito di esami spermiografici positivi)

l'anno scorso un altro urologo mi aveva prescritto le analisi ormonali, che ho ripetuto anche quest'anno sotto consiglio di uno specialista in andrologia, al quale mi sono rivolto.

Ecco i risultati delle analisi

2014 (prelievo effettuato alle 9.30 / 10 del mattino circa)

prolattina 5.60 ng/ml (4.60 - 21.40)
FSH 2.2 mUI/ml (1.60 -11)
LH 3.39 mUI/ml (1.71- 8.59)
Testosterone 3.89 ng/ml (2.80 - 8.00)

2015 (prelievo effettuato alle 8.00)

Testosterone totale 4.66 ng/ml (2.80 - 8.00)
Testosterone libero 12.2 pg/ml (8.69 - 54.69)


Dunque il basso livello di testosterone libero è la causa di questa situazione, tuttavia il livello di testosterone totale è nella norma, e questo mi conforta.
Vorrei avere il vostro parere su alcune cose, in ordine

1) il varicocele può aver influito in maniera IRREVERSIBILE sul funzionamento dei testicoli? Nel senso, se io lo avessi operato ora avrei livelli di testosterone libero e totale superiori?

2) ho letto che rimuovendo il varicocele è probabile che i livelli di testosterone totale, e specialmente di testosterone libelo, tornerebbero elevati. Insomma, rimuovendo il varicocele, come ho letto, ci può essere un miglioramento sensibile della situazione? E se si, in quanto tempo?

3) quanto può influire la psiche nella regolazione ormonale? Lo chiedo perchè effettivamente nll ultimo anno a livello psicologico non mi sento benissimo. E in effetti in passato ho notato che nei periodi di maggiore stress o in situazioni di disagio, a livello sessuale entravo un po in letargo. Cioè può esserci una correlazione diretta, in questo caso, tra psiche e dosaggio ormonale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
Ad oggi non è possibile stabilire quanto il varicocele possa influire sulla funzionalità testicolare (produzione di spermatozoi e livelli di testosterone). Se come lei ha detto il numero e la motilità degli spermatozoi è normale significa che esso non ha determinato sostanziali alterazioni nella loro maturazione.
Per quel che riguarda invece i livelli di testosterone, le evidenze cliniche ci dicono che i livelli di testosterone sono tendenzialmente più bassi in chi è affetto da varicocele e la sua correzione determina un sostanziale miglioramento della testosteronemia solo nei pazienti con valori di testosterone al di sotto dei valori normali (ipogonadismo).
Quindi riassumendo nel suo caso:
1) Il varicocele non determina effetti irreversibili sulla funzionalità del testicolo
2) Nei pazienti non ipogonadici la correzione del varicocele non determina un significativo incremento della testosteronemia
3) Secondo alcuni studi esisterebbe una stretta correlazione in doppio senso fra testosterone e psiche, nel senso che l'uno influenza l'altro, cioè bassi livelli di testosterone influenzano la libido e viceversa stati ansioso-depressivi possono influenzare la produzione di testosterone. Quindi teoricamente se riesce a superare questa fase "buia" della sua vita magari con l'aiuto di uno specialista potrà ottenere un miglioramento della sua vita sessuale.
[#2] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore,

Intanto la ringrazio per la rapida risposta, molto esaustiva.

in effetti gli esami di spermiogramma eseguiti in precedenza, dal 2007 al 2013, hanno evidenziato tutti i valori nella norma, pressochè invariati tra un analisi e l altra (Comunque lunedì farò l esame dello sperma, appena avrò i risultati li riporterò, magari anche qualche altro utente può trovare utili le imfo di questa discussione)

Se ho capito bene, dunque, il varicocele nel mio caso non ha alterato la produzione di spermatozoi però potrebbe aver influito sulla produzione di testosterone?
Cioè le due cose sono distinte e separate?

Ricapitolando, mi corregga se sbaglio, se io avessi rimosso il varicocele anni fa ora è possibile che la situazione potrebbe essere migliore (riguardo ai livelli di testostrone)

[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
1) Cerco di spiegarmi meglio. Il varicocele può influenzare sia i parametri seminali che teoricamente la concentrazione di testosterone. In alcuni casi come nel suo tali modifiche anche se presenti rispetto ad un ipotetico valore basale non sono clinicamente significative (quindi teoricamente se non ci fosse il varicocele il numero e la motilità degli spermatozoi sarebbe ancora migliore ed i livelli di testosterone sarebbero più alti senza però modificare significativamente la fertilità e/o creare sintomi tipici della carenza di testoasterone).
[#4] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore,

Grazie per le risposte.

qui dove abito la lista d attesa per lo spermiogramma è lunga, e farò l esame venerdì prossimo.
nel frattempo le chiedo, in un caso come il mio cosa è consigliabile fare?
Ho intenzione di rivolgermi ad uno specialista in psicologia, come da lei consigliato, ma nel frattempo le chiedo, come si fa a far tornare i livelli di testosterone libero a livelli normali?
considerando che il mio livello di testosterone totale è nella norma, ed il testosterone libero è la parte di testosterone totale che non si lega ad una determinata sostanza, non c è il modo di "inibire" (possibilmente in modo permanente) questa reazione di legame?
Quanto può variare la situazione adottando degli accorgimenti sullo stile di vita? (ad esempio quanto influisce un certo tipo di dieta, il consumo di tabacco, sport..)
Oppure lei pensa che la strada sia inevitabilmente quella farmacologica? (È un eventualità, quella dell utilizzo dei farmaci, che preferirei evitare se non strettamente necessario)

Grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
L'unico modo per far salire i valori di testosterone è la terapia sostitutiva con testosterone.