Utente 981XXX
Buongiorno da qualche anno so di soffrire di WPW e dopo vari pareri sotto consiglio di un primario che mi ha visitato ho deciso di non fare l'ablazione almeno per ora. La situazione va a periodi alterni in alcuni periodi ho episodi frequenti poi per qualche mese più nulla (Episodi che di solito si risolvono da soli con una respirazione profonda o al massimo con una compressa di almarytm ) . Di solito non mi si presentano mai sotto sforzo ma l'altro giorno dopo trazioni alla sbarra ho avuto un episodio parecchio fastidioso che si è risolto anche quello in pochi minuti (ho preso una compressa di almarytm per tranquillità anche se probabilmente si è risolto da solo).
Ora volevo da voi un parere visite ne ho fatte un sacco metto l'holter una volta l'anno e faccio controlli frequenti (durante un ricovero ho fatto anche test sotto sforzo,ecografia al cuore e altri esami specifici). Cosa volevo chiedervi riguarda i rischi della mia patologia, può portare alla morte? Mi è sempre stato detto di no ma cosa mi preoccupa è che questa volta sia venuto sotto sforzo. Essendo che io adoro fare pesistica potrebbe essere utile almeno per un periodo prendere mezza o una compressa di almarytm prima dell'attività sportiva o non è indicato? Solitamente durante gli episodi ho circa 180 pulsazioni al minuto è fastidioso ok ma cmq dovrebbe ancora considerarsi una range sicuro o no? Potrei anche monitorare i battiti con un orologio con Cardio Frequenzimentro anche se non so se si riesca a distinguere con questo il battito accellerato dovuto allo sforzo da quello causato dalla wpw.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore, non vedo per quale motivo lei ha deciso di non fare l'ablazione, che è una tecnica risolutiva in un'altissima percentuale dei casi e praticamente priva di rischi importanti in mani esperte. Tutto il resto serve solo a renderle la vita complicata.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 981XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno, quando ero stato ricoverato la prima volta e ho scoperto la patologia mi era già anche stato prenotato l'intervento poi all'ultima visita di controllo il primario che allora era in ferie mi ha disdetto tutto consigliandomi di non farla. Ora non so sto pensando quasi quasi quest'estate di farla finche sono giovane (28 anni), quali sono i rischi? dopo quanto si può riprendere la vita normale (sport e lavoro) ? Nel frattempo cosa ne pensa dell'almarytm prima dell'attività sportiva è controindicato? Quali sono i rischi invece non facendo l'operazione?
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
I rischi dell'ablazione, come le ho già detto, sono più teorici che pratici se eseguita da mani esperte (quindi è importante la scelta del centro dove dovrà essere operato)...Una vita normale può essere ripresa pochi giorni dopo la procedura...L'almarytm è un antiaritmico e come tale sempre "potenzialmente" pericoloso perchè può essere responsabile di aritmie piùimportanti rispetto a quelle che va a trattare, soprattutto se assunto in concomitanza con attività sportiva (ad es. un calo di potassio che può verificarsi durante lo sport può creare i presupposti per l'insorgenza di aritmie pericolose durante l'azione del farmaco)...
I rischi del suo WPW dipendono dalle caratteristiche della via anomala in conduzione anterograda, che possono essere valutate solo attraverso uno studio elettrofisiologico, che ingenere viene eseguito in contemporanea alla eventuale successiva ablazione...
Saluti