Utente 354XXX
Buonasera,gentili medici dello staff vorrei riportare un esito di un ecocardiografia effettuata poco fa:ventricolo sinistro di normali dimensioni,spessori e cinetica regionale,normale funzionamento di pompa fe 63%,valvola aortica tricuspide con normali movimenti di escursione,lieve inginocchiamento Lam,atri e ventricolo destro nella norma,Vci normocollassante con gli atti del respiro,minimo scollamento pericardico.La domanda che vorrei fare e questa :anche Nell ecocardiografia precedente (6mesi fa) vi era scritto alla fine minimo scollamento pericardico,ho eseguito anche un emocromo VES e pcr nella norma,secondo il vostro parere e normale che vi sia codesto scollamento considerando anche l eco precedente?grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
il "minimo scollamento pericardico" altro non è che la visualizzazione del fisiologico minimo spazio tra i due foglietti pericardici, occupato da una minima ed indispensabile quantità di liquido "lubrificante".

E' insomma un reperto fisiologico, tanto più se confortato dalla negatività degli indici di flogosi e di attività reumatica.

Il Suo referto è, concludendo, del tutto normale.


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la disponibilità,vorrei chiedere un ultima cosa se e possibile,sono un ragazzo caratterialmente abbastanza emotivo e mi capita in alcuni eventi di avere un ipertensione,ad esempio durante un esame universitario,quando sto con una ragazza che mi piace,in un colloquio lavorativo,inizio a diventare rosso al volto con macchie rosse diffuse al petto con un leggero senso di malessere e testa un po pesante con tachicardia (120bm) in queste circostanze ho provato a misurare la pressione e la massima raggiunge 160/170-90.Generalmente ho una pressione buona,ho provato ad effettuare varie misurazioni durante la giornata e la massima oscilla tra 115\135 e la minima 75\85,se vi e utile a saperlo ho anche effettuato un test da sforzo cicloergometrico raggiungendo 182 bm e 175\85 Pa ,buon recupero fisiologico pressorio e della frequenza,ho effettuato un dosaggio del cortisolo ematico e Atch risultante nella norma,la domanda e questa:eventi ipertensivi come questi,prolungati magari anche per un paio d ore danneggerebbero il cuore o il cervello?grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
vedere una bella ragazza fa salire la pressione a qualunque uomo! Starle accanto idem! Tutti durante gli esami universitari abbiamo avuto picchi pressori e tutti li abbiamo quando, mi passi il termine volgare del quale mi scuso, ci "incazziamo ".

Lei è giovane e sano: le ragazze le faranno pure venire "l'eritema pudico" e un picco pressorio ma non ci resterà secco!
:-)

Diversamente a 70 anni rimpiangerà di aver pensato al miocardio e non al cuore.

Con simpatia.
[#4] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Ahahah e simpaticissimo oltre che essere disponibile e gentile le sono davvero molto grato per ciò ..dottore io credo che fondamentalmente un ragazzo a 21 anni non dovrebbe pensare a ciò..mi gli studi di fisiologia e patologia generale all università non fanno altro che rafforzare la mia personalità ansiosa e negli ultimi periodi ad ora ad ogni sintomo cerco in qualsiasi modo di darmi una spiegazione scientifica non sminuendolo...un altra sintomatologia fastidiosa che avverto e un extrasistolia che giunge quasi esclusivamente in alcuni momenti,ad esempio durante la settimana difficilmente ne avverto qualcuno ma il sabato sera appena torno tardi a casa,magari nelle prime ore del mattino avverto dei fastidiosi extrasistoli talvolta isolati e talvolta seppur sporadicamente in coppia,posso affermare che il sabato sera da mezza notte fino alle 4 ne avvertirò una quindicina..e come se la privazione del sonno,la stanchezza faciliti l insorgenza..ho effettuato anche un holter qualche mese fa che rilevava 7 bev in 24h assenza di besv ,con una frequenza media di 87bm ...la mia preoccupazione e che il lieve inginocchiamento del Lam sia una minima insufficienza mitralica che mi possa facilitare l insorgenza Dell extrasistolia...lei che ne pensa di tutto ciò?come mai mi giungono in determinate occasioni?mi scuso per il disturbo ma sono un po' preoccupato
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
il lieve inginocchiamento del LAM, peraltro senza rigurgito, può essere considerata una "variante anatomica" della Mitrale: è molto frequente e non è la causa delle sue extrasistoli.

Lo stress e l'ansia lo sono sicuramente.

Nessun disturbo e stia tranquillo.
:-)

Cordiali saluti.