Utente 356XXX
Gentili Dottori,
sono un uomo di 39 anni e 16 anni fa, per motivi sportivi, assunsi steroidi anabolizzanti per circa 5 anni. Con l’aiuto di un medico, provai poi a smettere (scalando il testosterone ed assumendo gonadotropine come da protocollo) ma il risultato fu un tracollo psicofisico che mi riportò all’assunzione “autogestita” di 1 fiala ogni 3 settimane di solo Testoviron fino ad oggi.
Attualmente, esclusa un’ovvia azoospermia (con FSH ed LH ovviamente molto bassi) non presento particolari problemi di salute e le mie analisi del sangue sono nella norma, come pure la mia libido. Non fumo, non bevo, non uso droghe, pratico sport quasi quotidianamente.
Un paio di anni fa, ho consultato un altro medico (endocrinologo e andrologo), il quale mi aveva consigliato la medesima procedura, ovvero interruzione graduale del Testoviron, seguita dall’assunzione di gonadotropine nella speranza che la mia produzione endogena riprendesse. La probabilità di successo che lui aveva previsto, a seguito di un’accurata visita e considerando i tanti anni trascorsi, era del 30%. A mio parere troppo bassa per considerare un nuovo tentativo.
Anche volendo comunque, attualmente non potrei provare ad interrompere l’uso del Testoviron, per 3 motivi. Primo, non posso al momento permettermi economicamente una terapia con gonadotropine, la quale può durare anche oltre un anno. Secondo, con il mio lavoro (Security) non posso assolutamente permettermi un altro tracollo psicofisico, con livelli di testosterone azzerati. Terzo non so quanto sia conveniente un costoso calvario di oltre un anno, con una probabilità di successo del 30%.
Premesso tutto questo, i quesiti che vorrei porVi sono i seguenti.
Qualora un giorno volessi tentare di far ripartire la spermatogenesi, è possibile farlo assumendo le HCG senza interrompere l’assunzione di Testoviron?
Potrebbe ripartire anche la produzione endogena di testosterone o ciò è impossibile fintantoché si assume anche il Testoviron?
Che probabilità ho, secondo Voi, di far ripartire la spermatogenesi dopo 16 anni?
Vi ringrazio per le cortesi risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il lungo periodo di assunzione di testosterone ha creato un blocco della spermatogenesi ,con azoospermia relativa,che,temo, non possa essere reversibile a 40 anni,aldilà degli schemi terapeutici ipotizzati.Piuttosto,sarei preoccupato degli effetti di tali terapie praticate sul fegato e sulla emopoiesi.Va da se che,da questo Forum medico,l'unico consiglio sia quello di astenersi dal doparsi.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per aver cortesemente risposto al mio terzo quesito, ma vorrei capire se è possibile assumere le HCG senza interrompere l'assunzione di Testoviron, in un eventuale tentativo di far ripartire la spermatogenesi.
Per quanto riguarda le mie transaminasi ed emocromo, le tengo controllare (assieme a tutti gli altri parametri principali) con 2 analisi del sangue complete all'anno e posso confermarle essere perfette. Del resto, come già scritto, non mi sto più dopando da più di 10 anni, sto solo assumendo un normalissimo (e indispensabile) dosaggio terapeutico di testosterone, come qualsiasi altro soggetto ipogonadico. Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...a mio avviso,si sta dopando.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
Considerazione interessante la Sua, significa che Lei ritiene dei dopati tutti i soggetti sottoposti a terapia sostitutiva con testosterone (ipogonadici, sottoposti ad orchiectomia bilaterale, ecc) perché anche se io in passato ho sbagliato, rovinandomi con le mie mani (al contrario di loro che non l'hanno scelto), adesso purtroppo (al pari di loro), NON HO alternative e (come loro) avrei diritto ad essere curato, nella maniera più realistica (in termini di compliance) e meno "accademica" possibile.
Comunque ho capito che Lei non vuole rispondere alla mia domanda, non stupitevi però se poi gli uomini sono restii ad andare dagli andrologi.
Grazie comunque per il tempo che mi ha dedicato. Cordiali Saluti.