Utente 375XXX
Buongiorno, in occasione di due esami delle urine eseguiti a distanza di un anno, ho notato che il valore di pH delle urine al mattino è 5, quando il range di valori di normalità parte da 5.5.
Io sono sano, normopeso, ho una alimentazione che predilige frutta e verdure, con poca pasta, pochi dolci, poca carne, pochi grassi. Bevo circa 1 litro di acqua al giorno, pratico saltuariamente jogging e yoga, ho una pressione del sangue normale (sistolica 115 mmHg), non assumo farmaci. Come unici valori alterati ho una colesterolemia totale di 260-280 (da sempre) con valori di HDL intorno a 45 - 55.
Volevo sapere se devo cambiare abitudini alimentari o se c'è qualcosa che devo fare.
Grazie mille delle risposte!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In linea di massima un'alimentazione molto proteica (molta carne, poca verdura) tende a rendere le urine acide. Se queste sono opportunamente diluite, di per sè la cosa assume una rilevanza particolare. Nelle urine molto acide però precipita facilmente l'acido urico, formando sabbia e calcoli. Ovviamente bisogna essere predisposti a questa manifestazione. Tutto sommato, un'alimentazione più equilibrata potrebbe comunque portare più di qualche vantaggio.
[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille dottore, ma come già ho scritto mangio poca carne e spesso verdura e frutta.

Può aver senso fare un esame urine 24 ore per capire se il mio pH è da considerare fisiologico oppure no?
Dimenticavo di dire che mi avevano diagnosticato circa 10 anni fa con una ecografia renale la presenza di rene a spugna, che non ho mai più indagato. Può essere responsabile del pH basso? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'acidità delle urine si rileva sul campione estemporaneo, non ha utilità farlo sulle urine mescolate delle 24 ore. Anzi, sarebbe magari utile ripetere la valutazione in momenti diversi della giornata e non solo sulle prime urine del mattino, come più comunemente avviene. Per far questo ci si può munire di striscioline reattive (Multistix o simili) reperibili in farmacia. Il "rene a spugna" (o malattia di Cacchi, Ricci e Lenarduzzi) consiste in una lieve malformazione congenita dei reni che perlopiù non influisce sulla funzione, ma può facilitare notevolmente la produzione di piccoli calcoli e calcificazioni. Questo può essere vagamente sospettato dall'ecografia, ma va confermato con una radiografia diretta dei reni, oppure una TAC, posto che ve ne sia davvero la necessità. Non vi è una evidente relazione con le urine acide, anzi teoricamente ci si potrebbe più spesso attendere il contrario.
In conclusione, in assenza di disturbi od altre manifestazioni, spiegare il perché delle sue urine acide può essere considerata una curiosità, non degna di sollevare particolari preoccupazioni. Questo può comunque costituire lo stimolo a sottoporsi ad un controllo urologico diretto, che certamente alla sua età sarebbe più che opportuno.

[#4] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Grazie Dottore, è stato chiaro ed esaustivo.
Giusto per completezza Le dico che ho fatto questo test con cartine tornasole ed in altri orari della giornata il pH urinario è sempre intorno a 7.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È abbastanza spiegabile che le prime urine del mattino oltre ad esser più concentrate, siano anche più acide, poichè durante il resto del giorno diventano preponderanti le influenze dell'apparato digerente e dell'alimentazione. Ad esempio, la carica acida si concentra nella secrezione dello stomaco, eccetera.