Utente 379XXX
Scrivo per mia mamma,età: 76, peso: 64, altezza: 1,53.
Di seguito ecocolordopplergrafia cardiaca svolta il 14/04/2015:
Atrio sx: moderatamente dilatato (45 mm)
Ventricolo sx: di normali dimensioni e dinamica sistolica complessiva e regionale con lieve aumento della massa miocardica M/V :1,25, VTD: 50,
FE: 67.
Aorta: tricuspide con cuspidi ispessite sui bordi ed apertura conservata .
(Diametro max Ao ascen. : 34)
Mitrale: lembi fibrotici , sclerosi calcifica anulus posteriore
pseudonormalizzazione del pattern di riempimento diastolico VS
Reflusso: 1+/4
Atrio dx: di normali dimensioni
Ventricolo dx: di normali dimensioni e funzione sistolica
Tricuspide: Pressione sistolica VD: 30 Reflusso +-/4
Altre: Non versamento pericardico
Esame compatibile con Cardiopatia ipertensiva con normale funzione sistolica bi-ventricolare, lieve insufficienza mitralica.
Dal 2011 episodi di fibrillazione atriale e flutter atriale con frequenza 1/2 volte l'anno. Da un paio di settimane frequenza delle recidive quasi giornaliera.
Da venerdì ha iniziato ad assumere dronedarone e non ha più avuto recidive.
Il suo problema può essere legato alla lieve insufficienza mitralica?
In un centro a cui ci siamo rivolte per l'intervento di ablazione lo hanno sconsigliato, ma senza chiarimenti precisi. La situazione è così complicata da non permettere un tentativo di ablazione?
Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La ecografia mi pare normale per l'eta'.
Una buona percentuale dei pazientio di quell'eta' hanno problemi di f.a. parossitica.
Finche un trattamento antiaritmico di profilassi funziona non vedrei necessita' di ricorrere all'ablazione.
La cosa fondamentale in questi pazienti e' che vengano sottoposti a terapia anticoagulante orale cobn Coumadin o con i nuovi anticoagulanti orali.
L'unica vera e temibile complicanza della f.a. e' la tromboembolia.
Cordialita'

cecchini
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio molto per la risposta Dott. Cecchini.

Chiara G.