Utente 962XXX
gentile dottore siamo una coppia di 29 anni ciascuno,l'altro giorno mio marito ha effettuato uno spermiogramma ed è risultata una motilita uguale al 40% stata diagnosticata un'astenozoospermia,volevo sapere se è possibile fare una cura farmacologica o devo gia pensare ad una fecondazione assistita. l'esame è stato effettuato in condizioni di stress può influire questo? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
vorrei essere chiaro: sia Lei che il Suo compagno, per prima cosa, dovete spegnere il collegamento ad Internet. Spesso il bombardamento mediatico di informazioni sull'argomento "infertilità" è più dannoso addirittura della eventuale patologia, OVE CI FOSSE.
Mi domando a cosa serve il Vostro medico di fiducia, o il Suo Ginecologo o, ma credo che non esista, l'Andrologo del Suo compagno.
Se, in seguito ad un semplice esame del liquido seminale, senza altri reperti obbiettivi o anamnestici, con una semplice astenozoospermia, Voi siete arrivati all'ipotesi di una fecondazione assistita...beh direi che qualcosa davvero non funziona nel modo in cui siamo, un pò tutti, arrivati a gestire il problema dell'infertilità. Tanto per capirci è come se, dopo aver trovato la pressione del sangue arterioso un pò alta, uno decidesse di sottoporsi ad un trapianto cardiaco!!!
Per prima cosa, e lo dico con affetto, state tranquillissimi. Seconda cosa, consiglierei una visita Specialistica Andrologica al Suo compagno. Visita completa e non solo esame del liquido seminale. Poi ovviamente, a Lei, la solita visita di controllo Ginecologica.
Solo in questo modo, sempre OVE CI FOSSERO, potrebbero essere studiati e bene eventulai problemi connessi con una infertilità di coppia. E di proposito aggiungo "di coppia".
Davvero tantissimi affettusoi auguri per tutto e cordialissimi saluti ad entrambi.
Prof. Giovanni MARTINO



[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 9628,

un esame seminale con alterazioni della motiltà non significa che ci siano problemi !
E' opportuno ripetere l'esame e, nel contempo, consultare uno specialista andrologo od urologo che possa valutare se ci siano problemi fisici a carico dell'apparato genitale di suo marito.
Se ci fossero problemi comunque potrebbero essere affrontati con semplici terapie
cari saluti