Utente 384XXX
Salve ho 18 anni e scrivo perché sono molto preoccupata. Premetto che mercoledì ho affrontato un viaggio in treno con aria condizionata molto forte, cosa a cui sono sempre stata sensibile tant'é che é da due giorni che sono a letto con l'influenza, mal di gola naso chiuso e lieve febbre (37.5° massimo). É anche da due giorni che accuso dolori al petto che diminuiscono se cambio posizione. Oggi avverto un dolore localizzato nella zona leggermente destra del torace. Per circa cinque minuti esattamente in quel punto mi sono venute delle fitte lancinanti e mi sono presa di panico e so che ciò non aiuta. Oltre a quel punto il dolore o compare sotto il senso sulle costole o al centro sempre in questa zona. A volte si sposta anche sulla schiena. Dato che sono realmente preoccupata vorrei capire é possibile che siano dolori di origine cardiaca o sono solo dolori intercostali? Non so se serva ma a giugno ho fatto analisi del sangue ed erano tutte apposto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
guardi di regola i dolori trafittivi non sono mai di origine cardiaca.
E' molto verosimile l'origine da una "nevralgia intercostale".
Consulti tuttavia il suo Curante per escludere che non vi sia in atto una infezione tracheobronchiale.
E valuti la temperatura corporea.

Dia notizie, se vuole.
Arrivederci.
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Salve, grazie per la risposta purtroppo il dolore non passa. Non si tratta di un dolore continuo e si sposta da destra a sinistra. Non so come comportarmi soffro anche di ansia e attacchi di panico e non vorrei riandare per l'ennesima volta dal mio medico curante che ormai mi prende per pazza cosi come la mia famiglia. Posso escludere il pensiero di qualche malattia a livello cardiologico? Questo pensiero non mi fa dormire la notte.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
il fatto che lei sia ansiosa NON DEVE indurre alcun medico Curante, pagato con soldi pubblici, a snobbarla o a classificarla come Pazza!
Lei ha dei sintomi che sembrano non essere di natura cardiologica, ma questo va accertato con una visita non certo con un colloquio telematico in cui non posso visitarla.

Lei ha tutto il diritto alla salute, compreso il diritto - dovere di curare l'ansia con l'aiuto di uno specialista: perciò se il dolore è davvero insopportabile, anche per escludere patologie bronco - polmonari acute, si rechi dal suo curante o in alternativa vada in un P.S.

Mi tenga informato, se lo desidera.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Salve dottore, il dolore persisteva così mi sono recata dal mio medico curante. Anche lui mi ha detto che si tratta di una nevralgia intercostale e mi ha dato una cura adeguata. Mi ha controllato il cuore ed era tutto a norma eccetto un pò di tachicardia più che giustificata dal mio stato d'ansia. Scusi la banalitá della domanda, ma il medico solo ascoltando il cuore può capire abbastanza o é necessario un controllo più accurato? Spero di poter stare finalmente tranquilla ora. Grazie per la sua pazienza
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Signora stia tranquilla e non si ponga interrogativi ai quali la risposta sarebbe complessa.
Lei non ha nulla di cardiologico: in quanto all'auscultazione del cuore è un'arte e non so se il suo medico la sappia praticare oppure no.

Sono in procinto di partire, troverà i dati per contattarmi nel curriculum.

Arrivederci.