Utente 749XXX
Gentili dottori, giorno 18 settembre sono andato ad effettuare le analisi del sangue presso la asl.
Sono sempre molto attento quando faccio le analisi a vedere la persona che cambia l'ago...bene quella mattina non so perchè ma mi sono distratto e non osservato....siccome mi conosco che sono un po' paranoico sulle cose gli ho chiesto se me lo cambiasse...e lui niente.
mi ha fatto il prelievo.....ora le domande sono queste:
1. Se l'ago era stato già utilizzato è vero che non aspirava?
2. E' vero che sono aghi che si utilizzano una volta sola ossia che una volta attacati alla camicia non si ci attacno piu'?
3. Se non ha cambiato l'ago me ne sarei dovuto accorgere nel senso che l'ago avrebbe dovuto presentare traccie amatiche ben visibili?
4. Se l'ago era infetto e la mi puntura è avvenuta dopo 2 minuti ho rischiato per hiv o altre patologie?
5. L'infezione da hcv è curabile nel senso si è infettivi per tutta la vita o meno?
6. Un test di tipo Nat a quando riduce il periodo finestra?
7. Conoscete qualche metodica che riesce a ridurre il periodo finestra in modo sensibile anche se non ufficialmente?
8. Sapete qualche test che riduce il periodo finestra anche per il caso di epatiti?

Grazie e scusate la lungaggine
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Mi scusi ma lei ipotizza cose che non hanno motivo di essere. Nessun laboratorio riutilizza aghi che sono tutti monouso. Mi creda nessuno rischia la galera in questo modo
[#2] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Ma se fosse vero tecnicamente sarebbe possibile.....?
Nel sensoche il sangue coagula subito?
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Tutto è possibile ma non ha senso e poi parli con chi le ha effettuato il prelievo. Ma sono paure che non hanno motivo di essere; perchè questa persona doveva riutilizzare un ago e proprio con lei, rischiando di essere denunciato ?
[#4] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Nell'eventualità l'ago fosse infetto.....dopo quanto tempo muore il virus nell'ago?
Si ha la stessa percentuale di rischio del caso in cui si hanno scambio di punture per iniezioni endovenose di droghe?

grazie
[#5] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il tempo è variabile da virus a virus e non perfettamente quantificabile.
[#6] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
E per quanto riguarda il rischio la percentuale è sempre 0,7 % come nel caso delle iniezioni endovenose di droghe o essendo che il liquido esce dalla vena è inferiore?
Grazie ancora....sto vivendo giorni terribili
[#7] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Vorrei proprio sapere chi ha stabilito che la percentuale è il 0.7 %. No non si possono stabilire a priori percentuali di sorta, si può soltanto dire che alcuni virus muoiono quasi subito nell'ambiente esterno , altri sopravvivono molto a lungo come qello dell'epatite. Ma, mi creda, sono discorsi che nel suo caso non esistono.
[#8] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Dottori ma in questi casi come il mio nell'eventualità a puntura fosse infetta si sieroconverte subito?
Me lo dite il miglio r test per l'hiv in grado di dare indicazioni significative a 22-28 giorni...cosi' corro' ad andarlo a fare?
grazie
[#9] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
E' assurdo ma se proprio vuole faccia un test a 40 e 100 giorni, ma è veramente assurdo...
[#10] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo dottore un test Elisa compo P24 con PCR qualitativa ha 22 giorni che grado di attendibilità ha?
[#11] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
MA scusi tanto lei ha fatto il prelievo il 18 set. , quindi sono passati 8 giorni, perchè parla di test a 22 giorni....
[#12] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
per aspettare il meno tempo possibile?
[#13] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Mi scusi ma mi sembra di fare un discorso surreale; comunque c'è un periodo finestra ed i tests vanno fatti a 40 e 100 giorni non prima.
Se proprio vuole li faccia a queste scadenze
[#14] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Ma è vero che un test elisa combo ag p24 con pcr qualitativa a 22 giorni ha un attendibilità superiore all'80% ?
Grazie e scusi dottore
[#15] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore mi potreste consigliare un test che riduce il periodo finestra a 22-28 giorni? anhe se le linee guide ritengono per il caso del ministero della salute sei mesi e per qanto riguarda i cdc di atlanta 3 mesi...molti ritengono che ci siano dei test in grado di ridurre notevolmente il periodo finestraa....mi sapreste dire quale anche se non in modo ufficiale...
grazie
[#16] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Guardi le dò questa ultima mia risposta: In accordo con il suo medico si faccia prescrivere un test di tipo NAT che riduce il periodo finestra
[#17] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
dottore il prelievo è stato fatto il 18 il test nat quando lo dovrei fare? grazie
[#18] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Ai primi di ottobre
[#19] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Grazie di cuore dottore e scusate per tutto il disturbo...ma quell'incosciente l fine di evitarmi tutta quest'ansia poteva benissimo cambiarlo davanti a me l'ago. Grazie ancora.
[#20] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore secondo lei.....quando me lo dovrei andare a fare il test nat considerando che le analisi le ho fatte il giorno 18 settembre....? grazie
[#21] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Mi scusi ma evidentemente lei non legge quanto da me scritto. Se proprio le vuole fare, visto che si è fissato, vada ai primi di ottobre richiedendo un test di tipo NAT ( Nuclear amplification test ) come da me detto nella precedente risposta
[#22] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Dottore visto che oggi ne abbiamo 3 ottobre...secondo voi quando potrei andare?
[#23] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Lo può fare entro il 10 ottobre, ma il test deve essere del tipo che ho detto
[#24] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore stamattina sono andato all'ospedale a fare il test da voi consigliatomi di fare ma sconsigliato per l'episodio che io ritenevo a rischio.
Il dottore del laboratorio mi ha detto che fra le altre cose questo tipo di test ricerca se io in passato sono venuto a contatto anche con una piccola quantità di virus e il mio organismo lo ha ucciso . In altri termini mi ha detto che con questo tipo di test mi puo' dire se ho nel sangue qualche resto di hiv anche se morto. E' possibile....grazie!!!
[#25] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il test di tipo NAT ha soprattutto una funzione che è quella di riduzione del periodo finestra del virus HIV; cioè lo si può eseguire prima dei fatidici 40 giorni. Per il resto è un test di amplificazione genica virale. Se il medico a cui si è rivolto glielo ha sconsigliato è proprio per quanto da me detto in precedenza e cioè che l'episodio non è assolutamente a rischio
[#26] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
lo so che era una mia fissazione...non mi ha fatto un test nat.... ma siccome gli ho raccontato che in passato ho avuto dei comportamenti a rischio con ragazze che conosco ma cmq. a rischio...lui mi ha detto che fra le altre cose questo tipo di test che mi ha fatto ricerca se io in passato sono venuto a contatto anche con una piccola quantità di virus e il mio organismo lo ha ucciso . In altri termini mi ha detto che con questo tipo di test mi puo' dire se ho nel sangue qualche resto di hiv anche se morto. E' possibile....grazie!!!
[#27] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Và bene aspettiamo i risultati del test.
[#28] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Grazie e scusate l'insistenza dottore ma non ho capito và bene.
E' possibile che una persona abbia nel sangue il virus dell'hiv solo che l'organismo o il sistema immunitario lo ha distrutto.
Nel senso che si è ventuti a contatto con il virus, ci sono tracce nel sangue ma è stato distrutto.
grazie ...rispondetemi presto
[#29] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Se si è venuti in contatto con un virus sono presenti anticorpi che possono essere rilevati o particelle virali che rappresentano la carica virale. Il và bene è riferito al fatto di fare il test visto che lei si è fissato con questa cosa.
[#30] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Quindi se si è venuti in contatti con il virus si è malati nel senso che sul test risulta. Oppure se si è venuti a contatto con il virus ma l'organismo lo ha ucciso non si è malati. Questo passaggio fatto dal dottore mi è stato poco chiaro.
Grazie ancora
[#31] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non si è malati solo perchè c'è stato un contatto con il virus, qualunque esso sia; perchè molto spesso un contatto lascia solo gli anticorpi, avendo il sistema immunitario reagito e debellato il virus. Nel test classico si cercano gli anticorpi e non il virus, ma quello che lei si ostina a non voler capire è che per avere la malattia conclamata HIV occorrono non mesi, non un anno, ma anni anche dieci; capisce perchè non è possibile che lei abbia l'AIDS.
[#32] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Dottore mi scusi ma sono nella confusione piu' totale.
Allora non capito bene le seguenti cose:
1) Un semplice contatto con il virus Lascia gli anticorpi, quello che non ho capito in questa affermazione è questo: si possono avere degli anticorpi anti hiv nel sangue pur risultando il test negativo?

2) In caso di presenza di anticorpi anti hiv ed essendo negativo il test, è possibile che ci si ammali poi nel corso degli anni?

3) La salute di un individuo che viene per la prima volta a contatto con il virus e forma anticorpi anti hiv ma il test risulta negativo, vive lo stesso di prima cioe' come se non si fosse mai esposto al virus hiv oppure la sua salute anche se di poco si compromette?

4) Un altra cosa che non ho capito come la vostra frase sulla comparsa dell'aids volete dire che anche se un test risulta negativo, potrebbe comparire l'aids da li a dieci anni..?

Dottore rispondetemi esaudendo dettagliatamente tutti i punti...sono in gran confusione ...grazie!!!
[#33] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Risposte:

1)Sì , possono esserci falsi negativi, se il test è fatto nel periodo finestra e/o non è come quelli attuali di quarta generazione altamente sensibili e specifici , proprio per questo si fanno due test a 40 e 100 giorni , ma il secondo riduce pressochè a zero questa possibilità.

2)Se il test è stato fatto troppo presto, nel periodo finestra, e non ripetuto a 100 giorni , è possibile.

3) non ho capito la domanda. Se l'individuo ha anticorpi il test non VIENE NEGATIVO, se fatto a 40 e 100 giorni, ad eccezione del fatto che si esegua troppo presto e non si ripeta a 100 giorni.

4) Questa domanda dimostra, mi scusi, che lei è in totale confusione mentale e siccome sono un poco stanco, mi ci stà facendo andare anche a me. IO NON HO MAI DETTO CHE UN SOGGETTO NEGATIVO POSSA SVILUPPARE DOPO ANNI L'AIDS, MA HO DETTO CHE UN SOGGETTO CHE HA ANTICORPI QUINDI POSITIVO, PRIMA DI SVILUPPARE AIDS DEVONO TRASCORRERE ANNI, però adesso , mi creda, non ho proprio più tempo da dedicarle; le ho veramente detto di tutto e di più.
[#34] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore e scusate per tutto!