Utente 219XXX
Buongiorno,
dopo essere caduto dalla bicicletta ed essermi fratturato il capitello del gomito, sono stato operato e mi è stata inserita una protesi del capitello. Non so dire se a causa della caduta, dell'immobilizzazione per 20 giorni, o per il successivo intervento, mi è stato rilevato uno stupor radiale che mi impedisce di estendere completamente le dita e l'adbuzione del polso (spero che il termine sia corretto). Per l'ortopedico che mi ha operato, il problema al polso è dovuto solo allo stupor radiale, ma il fatto è che io riesco ad esterndere senza problemi tutte le dita se le forzo, senza alcun dolore.
Il polso invece non si "alza" se non di pochissimo, e se lo forzo ho un forte dolore nella regione tra l'ulna ed il triquetrum (per quel che posso capire). Il dolore è proprio una forte fitta, per cui, vista la la mia insistenza, per farmi stare tranquillo, mi è stata fatta una lastra del polso e della mano, e non è risultato nulla.
Ora, io non sono un medico, ma credo che una sola proiezione frontale sia troppo poco per diagnosticare il problema, soprattutto se la frattura è minima.

Continuo ad essere convinto che il polso ha qualcosa che non va a livello di articolazione, oltre che neurologico.

Sono disposto a fare una lastra a pagamento per togliermi ogni dubbio, ma non so cosa specificare affinché siano fatte più proiezioni del polso, in particolare per evidenzare una frattura come quella che immagino.

Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Concordo con l'opportunità di eseguire le rx in 2 proiezioni per escludere lesioni ossee, tuttavia occorre valutare bene il polso e soprattutto la fibrocartilagine triangolare. Il percorso corretto è questo: 1) si faccia visitare da un ortopedico esperto in chirurgia della mano (può trovare qui http://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/i-soci/mappa-soci-sicm.html , zoomando sulla mappa, gli Specialisti più vicini, anche se limitatamente a quelli iscritti alla Società, con indicate anche le strutture pubbliche presso le quali lavorano), 2) faccia gli accertamenti che lo specialista dopo la visita riterrà necessari , 3) porti gli esami eseguiti allo specialista perché completi la visita con le immagini integrandole con quanto emerso dall'esame clinico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della risposta. Cercherò oggi stesso alla visita fisiatrica di convincere il fisiatra a prescrivermi le rx in 2 o più proiezioni. Dopodiché, se non c'è un problema osseo, mi rivolgerò ad un ortopedico esperto in chirurgia della mano.

Buona giornata.