Utente 391XXX
Brera,
Espongo il mio disturbo.
Il giorno 4 settembre 2015 avverto sintomi da stato febbrile.
La notte "sfebbro" con un abbondante sudata.
L'indomani inizio ad avvisare indurimento polpacci,bicipiti femorali, quadricipiti femorali.
No febbre no altri sintomi.
I sintomi si acutizzano per poi iniziare lentamente a svanire ma mai completamente.
Dopo 5 giorni il 9settembre rientro in campo per lavorare (maestro tennis) e dopo un paio di giorni sono costretto a fermarmi per un forte dolore al tendine del quadricipite femorale SX.
Con grande stupore il dolore inizia a migrare dal tendine del quadricipite femorale al quello del malleolo poi ancora a un tendine frontale della spalla e ancora il giorno dopo al tendine d'Achille. Sempre e solo lato SX. Curo i sintomi con ghiaccio e su consiglio del medico eseguo i seguenti esami sangue:
Emocromocitometrico:
Globuli bianchi 10.7 (riferimento 4.0-10.00)
Monociti valore assoluto 1.01 (0.16-1.00)
VES 23. (2-20)
Glicemia basale 115 (65-110)

Elettroforesi proteica:
Albumina 53.4 (55.8-66.1)
Alfa1. 6.4 (2.9-4.9)
Alfa2. 12.1 (7.1-11.8)

Proteina c reattiva 1.2 (riferimento <0.5)

Citomegalovirus iig 16.2
// IGM assenti

Esame Epstein bar (mononucleosi). Da ritirare ancora referto


Cpk. Nella norma

Reuma test. Nella norma

Azotemia nella norma

Anti o strptolisinico nella norma

In tutto questo dal 10 al 13 mi accorgo di febbricola 37.2/37.5 pomeridiana che si dissolve dopo cena.

Durante i dolori ai tendini che in maniera meno forte avverto anche alla arto destro nei punti perfettamente simmetrici, i polpacci sembrano migliorare.

Ad oggi i tendini stanno migliorando ma e' riemerso da ieri forte dolore non spontaneo al polpaccio SX.
A riposo non ho fastidi,non e' gonfio ne rosso ne caldo ne dolente al tatto.
La gamba non e' gonfia e la sensazione di dolore sopraggiunge in piedi al momento di contrarre il muscolo per camminare.
Se tengo la gamba distesa a letto e mi alzo ho senso di contrattura ma ancor di più se sono seduto e mi alzo, allora ho bisogno di alcuni secondi per sentire che il polpaccio si decontrae.

Sto effettuando terapia con augmentin datami dal curante per proteggermi da streptococco rivelatosi assente e da stasera inizio tachipirina per provare a sfiammare.

Il mio medico mi dice che ho un'infiammazione /infezione virale e devo stare tranquillo, ma al di fuori della parte emotiva vorrei capire da cosa deriva un esordio al polpaccio poi tendineo e ancora al polpaccio per quasi due settimane.

Non ho febbre
Mal di gola
Affanno
Tosse
Problemi intestinali
Dolori a organi interni

Unica nota un fastidio in zona seni paranasali che provoca mal di testa arcate oculari da circa 2 mesi con cadenza settimanale.

Ringrazio anticipatamente chi volesse aiutarmi a capirci qualcosa.

Saluti
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Lei posta dei sintomi in modo alquanto farraginoso e frammenti di esami ematochimici.
Nella EFP le gamma globuline dove sono finite?
La distribuzione è omogenea senza bande nonoclonali anche sottili?
Da cosa deduce di non avere lo streptococco beta emolitico A? Ha fatto un tampone prima di iniziare l'antibiotico? Oppure solo dal TAS?
La lieve leucocitosi come e' ripartita nella formula?
Il medico non le ha detto che la tachipirina NON HA alcuna azione antinfiammatoria?
Soprattutto: il medico l'ha visitata accuratamente??

Cio' premesso, con i pochi dati disponibili sembra
che lei abbia avuto una forma virale nella quale non sono rari i dolori muscolo/tendindi e che la stessa sia in fase di risoluzione.
Valuti l'andamento clinico ed esegua emocromo ed indici di flogosi e di " attività reumatica " tra una decina di giorni.
Di più via web non possiamo dirle.
In quanto ai seni paranasali, spetta al suo medico valutare con le opportune manovre semeiotiche se di tratti di una sinusite acuta frontale.
Cordiali saluti ,
Caldarola