Utente 395XXX
Buongiorno, lunedì 2 novembre mi sono sottoposta ad un intervento di isterectomia totale laparatomica + annessectomia bilaterale.
L'ecografia fatta il giorno stesso della dimissione, il 7 novembre, evidenziava un grosso ematoma subcutaneo, messo in evidenza da un rigonfiamento dalle dimensioni di un'arancia; i valori dell'emoglobina erano a posto; mi è stata prescritta una terapia antibiotica.
Con la seguente eco ripetuta il 10 novembre, le dimensioni rimanevano invariate e i valori dell'emoglobina pure
Chiedo : a)se sia comune in seguito a questo tipo di intervento, la formazione di un ematoma di tali dimensioni
b) se sia destinato a riassorbirsi e se sì, in quanto tempo
Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
E' possibile e non solo con questo tipo di intervento, ma con qualunque intervento, anche in quelli eseguiti in laparoscopia una perdita ematica nel sottocute può formare un ematoma.
Questo può richiedere anche 4/5 settimane per riassorbirsi.
In alcuni casi, quando è sottocutaneo, si drena spontaneamente attraverso la ferita.
In alcuni casi è necessario drenarlo dilatando la ferita subito al di sopra della raccolta ematica.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio di cuore per la risposta
Infatti mercoledì 11 novembre sono stata sottoposta ad un piccolo intervento per
drenare la raccolta ematica .Proseguo dunque con la cura antibiotica e di ferro.
Mi è stato consigliato anche di indossare una panciera per una settimana.
Desidererei un suo parere a tal proposito
Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Procedimento corretto, condivisibile il consiglio di usare la panciera per un breve periodo, con lo scopo di per comprimere la zona interessata dalla precedente raccolta ematica.
Non entro nel merito del suo uso nel post cesareo, noi colonproctologi pelviperineologi non condividiamo l'uso di panciere, perchè queste esercitano una pressione verso il basso degli organi pelvici e potrebbero aumentare il rischio di un prolasso uterino, vaginale, rettale e vescicale.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio nuovamente per i suoi consigli professionali

Distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Di nulla.
Cordiali saluti.